Cefalù

Furti nei cantieri, tra gli arrestati anche due messinesi

OPERAZIONE DEI CARABINIERI, NELLA RETE UNA BANDA COMPOSTA DA NOVE PERSONE

Furti nei cantieri, tra gli arrestati anche due messinesi

Cesarò

Ci sono anche due indagati nebroidei nell’elenco delle nove persone arrestate ieri mattina dai carabinieri della Compagnia di Cefalù e delle Stazioni di competenza nell’ambito dell’operazione “Triade”, con la quale gli inquirenti hanno smantellato una organizzazione dedita a furto, ricettazione e riciclaggio. In manette, tra gli altri, sono finiti Cristian Foti, 30 anni, di Cesarò e Aldo Scauzzo Taragnino, 43 anni, di Capizzi, raggiunti dall’ordinanza di custodia cautelare spiccata dal Gip del tribunale di Termini Imerese, su richiesta della locale Procura della Repubblica. Arrestati anche Giovanni Messina, 43 anni, Sebastiano Pirrello, 51 anni, Salvatore Litrico, 53 anni (si trovava già detenuto nel carcere di Ragusa), Sebastiano Busacca, 20 anni (già detenuto), Luca Coniglio, 38 anni, di Canicattì, Carmelo Gambacorta, 64 anni, di Camastra e Stefano Breci, 36 anni, di Augusta.

L’indagine è partita da una serie di furti di mezzi pesanti, autocarri e veicoli da cantiere, in depositi e magazzini edili lungo la fascia costiera tirrenica compresa tra Cefalù e Campofelice di Roccella.

Messina, Breci, Pirello, Foti, Busacca e Scauzzo Taragnino, secondo l’accusa, avevano il compito di individuare gli obiettivi da colpire. I furti erano messi a segno da Litrico e Coniglio mentre Gambacorta si occupava dell'attività di riciclaggio. Sono dieci i furti subiti dalle società per un danno di mezzo milione di euro. L’operazione ha consentito di recuperato mezzi per un valore di 300.000 euro.

Leggi l'intero articolo nell'edizione digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi