MESSINA

Incidenti stradali fantasma, 31 condanne

La sentenza di primo grado per gli imputati dell’operazione tris che fece emergere un giro di truffe alle assicurazioni. Pena di 8 anni per Gaetano Molino, di 5 per Antonella Lui, di 4 per Mauro e Adriano D’Angelo

Incidenti stradali fantasma, 31 condanne

Trentuno condanne a pena detentiva, per 14 delle quali è stata concessa la sospensione condizionale; 10 assoluzioni piene. È questo l’esito del processo di primo grado relativo all’operazione Tris, l’indagine su 40 incidenti “fantasma” avviata nel 2011 da Polizia municipale e Carabinieri per far luce su un giro di truffe assicurative. Ha retto in gran parte l’impianto accusatorio delle richieste formulate dal pm Marco Accolla che erano di 41 condanne tra i 2 e i 10 anni a carico di altrettanti imputati per reati distinti: ad alcuni si contestava la truffa, ad altri il falso, ad altri le minacce. La prima sezione penale del Tribunale (collegio presieduto dalla dott. Silvana Grasso e composto dalle dottoresse Maria Giuseppa Scolaro e Monia De Francesco) ha condannato Gaetano Molino alla pena di 8 anni di reclusione e all’interdizione in perpetuo dai pubblici uffici; Antonella Lui alla pena di 5 anni con interdizione quinquennale dai pubblici uffici; Carmelo Muscolino a 3 anni e 6 mesi con interdizione dai pubblici uffici per 5 anni; Adriano D’Angelo alla pena di 4 anni con interdizione per 5 anni dai pubblici uffici; Mauro D’Angelo a 4 anni e 2 mesi e con interdizione per 5 anni dai pubblici uffici; Concetta Maria Totaro a 3 anni e 2 mesi; Elisa Di Lauro a 3 anni e 4 mesi; Umberto Di Blasi a 2 anni; Francesco Bonanzinga a 2 anni e 1 mese; Giovanni Muscolino a 2 anni e 10 mesi; Ahmed Mouhoub a 1 anno e 8 mesi; Saghir Mouhoub a 1 anno e 6 mesi; Stefano Ingegnere a 1 anno e 6 mesi; Nicola Tindaro Basile a 1 anno e 8 mesi; Antonio Pesco a 1 anno e 6 mesi; Arcangelo Settimo a 3 anni; Said Mouhoub a 1 anno e 6 mesi; Giovanni Ferrara a 1 anno e 8 mesi; Antonino Cucinotta a 1 anno e 8 mesi; Vittorio Contiguglia a 2 anni e 6 mesi; Giacomo Lo Surdo a 2 anni e 2 mesi; Giuseppa D’Angelo a 1 anno e 6 mesi; Nicola Girasella a 1 anno e 6 mesi; Carmela Alaimo a 1 anno e 8 mesi; Antonino Celona a 1 anno e 6 mesi; Pasquale Di Stefano a 1 anno e 6 mesi; Angelo Scopelliti a 1 anno e 6 mesi; Sebastiano Visalli a 1 anno e 6 mesi; Lorenzo Donato a 2 anni e 6 mesi; Salvatore Russo a 1 anno e 8 mesi; Giuseppe Gangemi a 2 anni. Da altri reati assolti Elisa Di Lauro, Gaetano Molino, Antonina Lui, Adriano D’Angelo, Carmelo Muscolino, Maria Concetta Totaro, Umberto Di Blasi, Carmela Alaimo e Saghir Mouhoub.

Sono stati assolti Concetta Campagna, Davide Galletta, Tommaso Arena, Nunzio Commisso, Sabrina Sciuto, Cristian Panarello, Emanuele Cariddi, Andrea Mutto, Rosy Marchetta e Angelo Di Bella.

Sospensione condizionale della pena concessa a 14: Ahmed Mouhoub, Saghir Mouhoub, Stefano Ingegnere, Nicola Tindaro Basile, Antonio Pesco, Said Mouhoub, Giovanni Ferrara, Giuseppa D’Angelo, Carmela Alaimo, Antonino Celona, Pasquale Di Stefano, Angelo Scopelliti, Sebastiano Visalli, Antonino Cucinotta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Era meningite di gruppo B

Era meningite di gruppo B

di Marina Bottari