MESSINA

Trasferimento fraudolento valori, due arresti

Usura e riciclaggio: tra arrestati esponente cosca Grande Aracri

I carabinieri e gli uomini della Dia di Messina hanno eseguito a Caronia (Messina) un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti di due persone accusate di trasferimento fraudolento di titoli e valori. L'indagine è coordinata dalla Dda di Messina diretta dal Procuratore Maurizio De Lucia. Il provvedimento, che riguarda due imprenditori, comprende anche il sequestro dell'intero compendio aziendale di una società ritenuta a loro riferibile, comprensivo di autovetture di lusso e vari rapporti finanziari, per un valore stimato di 1,2 milioni di euro.

Gli imprenditori arrestati sono Antonino La Monica, 50 anni, e il figlio Giuseppe La Monica, 21 anni, con l'accusa di trasferimento fraudolento di titoli e valori. I due, secondo l'accusa, avevano creato la "Technolam srls" operante nel settore edile e della vendita e noleggio di autovetture anche di lusso formalmente intestata al giovane Giuseppe La Monica, ma di fatto riferibile al padre.  (ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi