MESSINA

Omicidio Omayma, confermato ergastolo per il marito

Lo ha deciso la Corte d'Assise d'Appello

Faouzi Dridi

La Corte d'Assise d'Appello di Messina ha confermato la sentenza di primo grado per Dridi Faouzi che, il 4 settembre del 2015, uccise a bastonate la povera Omayma Benghaloum. Il sostituto procuratore generale Felice Lima aveva chiesto la conferma dell'ergastolo inflitto in primo grado all'uomo. Sono state quindi confermate tutte le statuizioni civili e i risarcimenti decisi dai giudici di primo grado.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi