Olio d'oliva

La provincia di Messina patria del "TesOlio"

No all'olio d'oliva tunisino

La Sicilia rende omaggio al suo oro verde. Si è conclusa a Palermo l’undicesima edizione dell’Isola del TesOlio, iniziativa interamente dedicata alla Sicilia e al suo olio extra vergine di oliva, organizzata e promossa dal Consorzio della filiera olivicola. Grande protagonista di questa edizione la Dop Valdemone, l’olio extravergine di oliva che si produce nell’areale dei comuni della provincia di Messina.

"L'interesse del consorzio - afferma il presidente Alessandro Chiarelli - è orizzontale e inclusivo, per permettere anche alle piccole filiere olivicole di partecipare al processo produttivo ed economico. Vogliamo rivalutare la Dop Valdemone, i cui numeri sono ancora piccoli, perchè dietro ogni chilo di olive c'è un agricoltore e la sua famiglia. Nostro interesse prioritario è, pertanto, quello di focalizzarci sulle grandi cultivar senza dimenticare le piccole, fare rete e valorizzare i territori da troppo tempo dimenticati".

La Dop Valdemone è un olio extra vergine ottenuto dalle varietà Santagatese, Ogliarola Messinese e Minuta che possono essere presenti negli oliveti, da soli o congiuntamente, nella misura minima del 70%. Secondo il disciplinare altre varietà (Mandanici, Nocellara Messinese, Ottobratica, Verdello e Brandofino) possono essere presenti per il restante 30%. Un extra vergine caratterizzato dai sentori tipici delle olive fresche appena raccolte, leggermente contrastato da una nota amara e da sensazioni retro-olfattive di mandorla, frutta fresca, pomodoro e cardo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi