Messina

Soprintendenza al Margherita, le reazioni

La notizia dello spostamento della sede della Soprintendenza nei locali dell'ex Margherita ha scatenato diverse reazioni. I commenti e le precisazioni di Vigili del fuoco, assessorato regionale e sindacati, oltre che della stessa Soprintendenza

ospedale margherita

La prima reazione è quella del comandante dei Vigili del Fuoco di Messina. Pietro Foderà, sostiene che attualmente non è previsto alcuno spostamento dei vigili del fuoco dalla sede distaccata del Margherita, né tanto meno è stata ancora individuata una sede alternativa.

E mentre il Soprintendente Orazio Micali dal suo punto di vista spera che si possa trovare una soluzione condivisa in attesa di una nuova sede per i pompieri, l'assessore regionale ai beni culturali Aurora Notarianni, nel ribadire la sua solidarietà al Corpo, fa presente che l'atto di comodato d'uso firmato a suo tempo dai Vigili del Fuoco con l'Asp è ampiamente scaduto.

“Essendo il corpo, dipendente dal Ministero dell'Interno - suggerisce la Notarianni - si potrebbe chiedere un finanziamento apposito per adeguare un'altra sede anche all'interno dell'ex Margherita”.

Anche Roberto Bombara, del sindacato dei vigili del fuoco della Cisl regionale, ribadisce che le sedi ipotizzate negli anni sono state diverse, compreso un immobile sul viale Giostra, ma alla fine si è optato per rimanere al Margherita adeguando il padiglione per l'uso provvisorio da parte del distaccamento del Corpo. “Locali che adesso però - conclude Bombara - risultano assolutamente vetusti e non idonei”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi