Furci Siculo

“Residence Grecale”, otto persone indagate dalla Procura di Messina

Si tratta di tecnici e di parenti del primo cittadino, proprietari dell’immobile

“Residence Grecale”, otto persone indagate dalla Procura di Messina

Per il sindaco Sebastiano Foti i pareri sono tutti conformi alle leggi, come pure è a norma la concessione edilizia rilasciata dal Comune.

Però l’edificio a tre piani che sorge sul lungomare, di proprietà di alcuni parenti del primo cittadino, non sarebbe in regola con le normative vigenti secondo la Procura della Repubblica di Messina, che ha messo sotto inchiesta otto persone tra proprietari dell’immobile e tecnici, tra cui il capo dell’ufficio tecnico, architetto Claudio Crisafulli, e l’ing. Giovanni Curcuruto, direttore dei lavori e consigliere di maggioranza.

Il fabbricato, denominato “Residence Grecale”, sorge sul lungomare, vicino Largo Pizzolo, in una posizione amena, che domina il mare. 

L'articolo completo nell'edizione in edicola della Gazzetta del Sud

Clicca qui per acquistare la tua copia digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Era meningite di gruppo B

Era meningite di gruppo B

di Marina Bottari