taormina

Truffa sul carburante a Messinambiente e Ato4

Tre arresti e otto obblighi di firma con l'accusa di falso e truffa, a seguito di un'inchiesta della Guardia di finanza.

benzina

Facevano la cresta sul carburante. E' questa l'ipotesi di reato dell'inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza che ha eseguito a Taormina (Messina) tre misure di custodia cautelare ai domiciliari e otto obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria, nei confronti di undici persone responsabili, a vario titolo, di falso e truffa ai danni delle società Messina Ambiente Spa e la Atome4 Spa. Queste ultime gestiscono la raccolta dei rifiuti e i servizi di igiene ambientale nei comuni della fascia ionica da Messina a Taormina.

In particolare le Fiamme Gialle, nell'ambito dell'operazione denominata "Free fuel", hanno individuato una frode perpetrata dagli autisti dei mezzi delle società partecipate, i quali, in concorso con i gestori di due distributori di carburanti di Taormina e Letojanni, facevano risultare sui veicoli aziendali rifornimenti di gasolio maggiori rispetto alle quantità erogate. L'eccedenza veniva ripartita tra gli autori della truffa attraverso prelievi gratuiti di carburante, a beneficio delle rispettive autovetture private.

Le indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Messina, Antonio Carchietti, hanno permesso, grazie anche a intercettazioni ambientali e videoriprese eseguite presso le stazioni di servizio interessate, di documentare ogni singolo rifornimento e di individuare gli autori della truffa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi