Serie D

Primo allenamento per il Messina di Venuto

Sul sintetico di Rocca di Caprileone si sono ritrovati tanti giovani con gli “over” Tricamo, Cassaro e il neo acquisto Porcaro. Il presidente Pietro Sciotto ha aperto il ritiro parlando alla squadra del valore della maglia biancoscudata

Primo allenamento per il Messina di Venuto

Finalmente a Messina si torna a parlare di calcio giocato, esattamente ventitré giorni dopo quell’amarissimo 14 luglio in cui, dopo un mese di speranze e illusioni, la gestione Proto si concluse con la mancata iscrizione in serie C. Ieri la nuova Acr si è radunata a Rocca di Caprileone per iniziare la preparazione al prossimo campionato di serie D. Adesso si auspica che i primi allenamenti e i prossimi colpi di mercato piazzati dal presidente Pietro Sciotto riescano a riaccendere l’entusiasmo di una piazza troppe volte mortificata dalle gestioni societarie di questi ultimi anni.

Primo allenamento, quindi, per il gruppo di giocatori attualmente a disposizione dell’allenatore Antonio Venuto, che si sono ritrovati a mezzogiorno al raduno di Torrenova. Nel pomeriggio, poi, tutti in campo, sul manto sintetico del campo di Rocca di Capri Leone, agli ordini del tecnico ex Due Torri. Ma il grande protagonista della prima giornata di preparazione è stato proprio Pietro Sciotto. Prima dell’inizio dell’allenamento, infatti, il presidente giallorosso ha incontrato tecnico e giocatori, ai quali ha rivolto un lungo e convincente discorso. Un incitamento a tutti, per comprendere l’importanza di indossare la maglia giallorossa e la conseguente responsabilità a disputare un campionato vincente per far tornare il Messina nel calcio professionistico.

Tutti a sudare, quindi, dopo il discorso “presidenziale”, con mister Venuto che non ha fatto sconti già dal primo giorno di lavoro. Presenti, naturalmente, tutti i giovani convocati per questa prima fase (Benfatta Sa., Meo, Bucca, Benfatta Si., Lia, Mosca, Bossa, Scopelliti, Bagatti, Leo, Cuzzilla, Mulas, Bonadio, Mascari, Carini), nonché, fra gli “over”, Tricamo, Cassaro, Rizzo, Mariani, Balsamà. Dei tre botti di mercato di Pietro Sciotto, presente sin dal primo giorno il difensore Pasquale Porcaro, che ha iniziato la preparazione assieme ai compagni, mentre l’arrivo in ritiro del centrocampista argentino Bruno Pezzella è previsto per dopodomani. Il giorno dopo, invece, cioè giovedì, si aggregherà ai compagni anche l’attaccante ivoriano Anger Tresor Dezai, il terzo degli acquisti giallorossi già effettuati negli ultimi giorni.

Mercato

Ma il presidente Sciotto continua a tener vive le trattative avviate nella scorsa settimana per allestire la corazzata in grado di puntare subito alla promozione. Oggi, quindi, potrebbe essere il giorno di Giovanni Lavrendi, altro centrocampista di primissima fascia per la serie D, già agli ordini di mister Venuto in D nell’Hinterreggio; per Lavrendi ultime due stagioni sempre in D con Reggina e Palmese, sempre da assoluto protagonista. Ma il grande obiettivo per l’attacco giallorosso porta sempre il nome di Giuseppe Meloni, per il quale ci sarà da vincere la concorrenza di Nardò, Torres, Nuorese e Como e, di conseguenza, da mettere in preventivo un non indifferente sacrifico economico ma con il bomber ex Akragas, autentico uomo mercato in serie D, e il già acquisito Dezai, il Messina avrebbe già risolto il problema del gol. Anche se i tifosi insistono per il ritorno di Totò Cocuzza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi