Messina

Il colore del Mop tra divertimento e sport

Entusiasmo alle stelle per il “party” pomeridiano nella suggestiva cornice di mortelle, la seconda giornata si è chiusa con il cinema “sotto le stelle”

Il colore del Mop tra divertimento e sport

Il Mop si conferma punto di riferimento dell’estate messinese, evento che anche quest’anno coinvolge in spiaggia a Mortelle migliaia di ragazzi che giocano, ballano e si divertono insieme. La seconda giornata della kermesse si è aperta con il “color party” che sotto il palco principale ha fatto letteralmente fatto esplodere l’entusiasmo dei tantissimi partecipanti.

Un fiume di vivacità affiancato all’avvio dei principali tornei sportivi. Tra questi il basket con in prima linea, nelle vesti di responsabile, il cestista Claudio Cavalieri: «Mi sono inserito in un gruppo già strutturato, accanto a me Federica Polizzi che è stata super, bravissima nell’organizzare e devo dire che da subito si è creata enorme sinergia – ha affermato l’ex Pallacanestro Patti –. Siamo riusciti a coinvolgere 70 atleti, un grande risultato se si pensa che in provincia esistono altri tornei ben avviati seppur non inseriti in un contesto del genere. È un dato destinato a crescere, siamo intenzionati a migliorare nei prossimi anni. Dietro questo progetto ci sono dei giovani di Messina ed il loro impegno deve costituire una lezione da cui trarre spunto, in un comprensorio sul punto di spegnersi, la voglia di non mollare, utilizzando il messaggio veicolato dallo sport, è insegnamento prezioso. Quando arrivai qui, basket e calcio attiravano gente, riempiendo stadi e palazzetti. La voglia c’è, qui sembra di essere a Los Angeles o Miami, atmosfera pazzesca». Novità assoluta per la disciplina, in questa edizione 2017, le dimensioni del campo: 17x16 metri!

Stoppate, schiacciate e canestri. Lo spettacolo non è mancato, ma il Mop è anche altro, molto altro. «Lo sport e il divertimento sono fondamentali, ma non possiamo prescindere dal rispetto dell’ambiente – ha evidenziato Cosimo Galletti, studente di Barcellona che è rappresentante dell’associazione “Fuori di Me” e tra i portavoce del progetto “Cicca qui” –. Ci siamo fatti carico di un’iniziativa volta alla cura ed al mantenimento delle spiagge. Il problema dei mozziconi e delle cicche gettate sulla sabbia con noncuranza interessa tutti, grazie al sostegno di alcuni privati abbiamo acquistato dei portacicche che distribuiamo sui litorali più frequentati ed ovviamente anche al Mop. Si tratta di un segnale di grande civiltà per noi ma anche per i turisti».

Tanti i “visitatori” provenienti da fuori città che stanno animando il Lido Spiaggia d’Oro, un vero successo che consegna ulteriore valore agli sforzi del gruppo organizzatore guidato dalla Mediterranea Eventi. «Ci siamo, ora si entra nel vivo – è il commento del responsabile food&beverage, Gabriele Arcovito –. Bellissimo è stato assistere alle partite di handball. Possiamo dire che ogni componente è al suo posto, siamo stanchi per il grande lavoro dei giorni scorsi ma al contempo emozionati. Vogliamo coinvolgere tutta la rete cittadina, per questa ragione, accanto ai tornei, tante sono le sorprese in cantiere. Ci aspettano altri due giorni tutti da vivere».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Ecco i sei che progettavano un’altra Capaci

Ecco i sei che progettavano un’altra Capaci

di Francesco Celi - Leonardo Orlando

Tre arresti per una vendetta

Tre arresti per una vendetta

di Rosario Pasciuto