Incendi

Domenica di fuoco sulle colline

Una giornata segnata dalle gesta di criminali e piromani: un vero a proprio attentato al patrimonio boschivo e di macchia mediterranea. Gli incendi più gravi a Sarrizzo (scout evacuati dalla Forestale), a Camaro Superiore e Sperone.

Domenica di fuoco sulle colline

È stata una giornata di incendi devastanti in città e in provincia: quasi tutti, se non tutti, come sempre, di origine dolosa. Ad essere pesantemente colpite dalle fiamme talune zone di pregio ambientale e naturalistico come quelle boschive dei colli Sarrizzo comprese tra le contrade Pizzo Chiarino e Musolino. Ma, casi ancor più preoccupanti, sono state avvicinate dalle fiamme e dal fumo aree molto sensibili, o comunque di straordinaria rilevanza, per la qualità della vita e la sicurezza.

L’incendio che ha suscitato le più forti preoccupazioni e paure all’interno della città, è stato quello che nel pomeriggio ha devastato le colline di contrada Spadafora,
a monte della vecchia stazione di Camaro Superiore. Il fronte di fuoco di maggiore durata e pericolosità ha interessato, da due distinti versanti, i colli Sarrizzo. Il primo incendio, tra le Quattro strade (vicino Don Minico) e Dinnammare è divampato già intorno alle due di notte tra sabato e domenica. Alle 9 del mattino di ieri il secondo rogo, che è stato appiccato a Saponara, nella zona del Monte Cuolo. Tempestivo e massiccio su entrambi i versanti è stato lo spiegamento di uomini e mezzi del gruppo antincendio dell’Azienda Foreste e dell’Ispettorato Corpo forestale, coordinati direttamente dai dirigenti Giuseppe Aveni e Carmelo Di Vincenzo. Anche sui colli, comunque,
momenti di viva preoccupazione e paura. In contrada Ziriò, di buon mattino, i forestali hanno fatto evacuare dalla struttura d’accoglienza un gruppo di una ventina di scout provenienti da Ragusa.

Commenti all'articolo

  • Jonovan

    16 Luglio 2012 - 13:01

    Secondo me un forte contributo contro i soliti incedi estivi e non, sarebbe: a) utilizzare adattandoli allo scopo i tanti elicotteri militari perlopiù inutilizzati nei vari aereoporti militari. b) utilizzare su scala nazionale qualche satellite per il controllo del territorio a verde. Con le nuove tecnologie i satelliti riescono a vedere anche una persona che si accende una sigaretta e la marca della stessa. Vale la pena spendere qualsiasi cifra per la terra poichè da essa viene la vita. Risparmiando nelle spese militari poichè da esse viene la morte. Jonovan

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400