CALCIO

Messina, corsa a ostacoli verso l'iscrizione

Pochi giorni dividono i peloritani dall'iscrizione al prossimo torneo di Legapro. Da domani si entrerà nel vivo per giungere puntuali all'appuntamento di venerdì anche se non mancano i problemi. La società giallorossa, se riuscirà ad iscriversi, otterrà dalla Legapro più di 200 mila euro legati alle valorizzazioni dei calciatori

Messina volta pagina:  è il gran giorno di Proto

Raggiungere l'obiettivo a tutti i costi. Quasi un must per il Messina che prova a farsi trovare con tutte le carte in regola in vista dell'iscrizione in Legapro o serie C secondo la nuova denominazione, per la quale la scadenza è prevista venerdì prossimo. Un termine che, magari con un po' di ansia, la società conta di onorare in mezzo a tante difficoltà e ostacoli di varia natura. Trovato l'accordo con i calciatori sugli emolumenti da corrispondere, occorre adesso passare alla parte pratica, cioè al pagamento delle spettanze, finora ritardate da un'operativa bancaria ridotta. La corresponsione degli stipendi deve essere prodotta esclusivamente attraverso il conto dedicato che il Messina ha registrato in Legapro, conto, però, “attaccato” da alcuni creditori della società. Da chiarire che se, malauguratamente, il sodalizio peloritano non riuscisse a pagare i tesserati entro domani non metterebbe a rischio l'iscrizione ma potrebbe andare incontro soltanto ad una penalizzazione in classifica. Un gioco ad incastri, perché risolto il problema degli stipendi il resto verrebbe quasi in discesa. Con le liberatorie dei calciatori, il Messina dovrebbe allegare alla domanda d'iscrizione la nuova fideiussione di 350.000 euro, la tassa di 60.000 euro e gli F24 per i contributi e per alcune rate arretrate con erario. Il Messina ha anche un piccolo tesoretto che, però, non potrà utilizzare fino a quando la domanda d'iscrizione non sarà completata in tutti i suoi aspetti. Oltre 200.000 mila euro provenienti dalle valorizzazioni, premi che sono maturati e già certificati. Ma se al 30 giugno, il Messina non dovesse avere tutta la documentazione richiesta, potrebbe inoltrare anche una domanda d'iscrizione incompleta per poi mettersi in regola successivamente. In questo caso, per non morire e avere ancora una speranza, il termine ultimo è quello del 14 luglio. Ma la società punta a risolvere la questione entro le date canoniche per non cominciare la prossima stagione con una penalizzazione in classifica.

Commenti all'articolo

  • etoiledelaseinne

    25 Giugno 2017 - 18:06

    ogni volta che il Messina viene venduto si spera in un grande futuro,avvalorato anche dalla campagna giornalistica favorevole alla nuova proprieta' per poi ritrovarsi come prima se non peggio.Al momento,dopo che la stampa ha incoraggiato la campagna abbonamenti,non si sa se ci sono i fondi per l'iscrizione al campionato:che delusione! Sempre la stessa musica

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Lite tra ambulanti sfocia in sparatoria

Lite tra ambulanti sfocia in sparatoria

di Sebastiano Caspanello