messina

Rompe il naso a un poliziotto, in manette un 63enne

L'aggressore è Giuseppe Cambria, da tutti conosciuto come "Pippo Bibita", adesso ai domiciliari.

Rompe il naso a un poliziotto, in manette un 63enne

Futili i motivi non altrettante le conseguenze. E’ successo ieri intorno alle 21.50 in Piazza Lo Sardo l’aggressione ai danni di un sovrintendente di Polizia e del fratello da parte di un pluripregiudicato, Giuseppe Cambria, 63 anni, più noto come “Pippo Bibita”. All’arrivo la Volante, prontamente allertata dal poliziotto intervenuto in soccorso del fratello, trovava quest’ultimo sanguinante perché poco prima colpito al volto con un casco.

I tentativi di allontanamento dell’aggressore non sortivano l’effetto desiderato, ed infatti nonostante la presenza degli agenti di Polizia e la consapevolezza che una delle vittime fosse un pubblico ufficiale, il Cambria all’improvviso colpiva con una violenta testata all’altezza del naso il sovrintendente, che riportava una frattura pluriframmentata guaribile in 30 giorni. Bloccato dai poliziotti il pluripregiudicato veniva sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Cairoli, non solo la ruota

Cairoli, non solo la ruota

di Domenico Bertè