MESSINA

Fiera, consegna lavori

Importante passaggio verso la riqualificazione della cittadella fieristica. L'Autorità portuale consegnerà i lavori per il padiglione centrale e il portale. In attesa di autorizzazioni, invece, l'iter per il teatro. Per altre opere ci sono i finanziamenti e per poter espletare le rispettive gare diventa importante la proroga dell'autonomia dell'autority di Messina entro il 30 giugno. In caso contrario diventa esecutivo l'accorpamento con l'autorità di sistema di Gioia Tauro

fiera messina

La proroga di ulteriori 6 mesi era stata annunciata dal ministro Delrio in occasione della sua visita a a Messina lo scorso mese di aprile. Bisogna adesso formalizzarla entro la fine di giugno per consentire almeno altri sei mesi di piena autonomia all'autorità portuale di Messina. Un semestre entro il quale si potrebbero portare a compimento importanti gare per la progettazione, l'aggiudicazione ed anche l'avvio di appalti strategici. Su tutti quello del nuovo porto di Tremestieri per il quale si attende ancora la firma sul decreto di finanziamento della regione prima della stipula del contratto con l'impresa che si è aggiudicata l'opera. Intanto oggi, con la consegna dei lavori, giunge al termine quello per il rifacimento del padiglione centrale e del portale della fiera. Un appalto da 6 milioni di euro che è stato aggiudicato alle imprese Lupò e de Domenico. A giorni quindi l'apertura dei cantieri per ridare lustro ad una porzione della cittadella ormai da anni in stato di abbandono. Slitta almeno fino al termine dell'estate, invece, in attesa delle necessarie approvazioni del progetti esecutivo, l'appalto da 13 milioni di euro per la progettazione del teatro in fiera e della palazzina per anni adibita ad uffici dell'ente. Ma tra le opere che l'authority messinesi ha intenzione di aggiudicare, con o senza la proroga governativa sull'autonomia di gestione, c'è anche quella della rettifica di alcune banchine del porto. Si tratta della progettazione di un intervento da 23 milioni di euro per uniformare le esistenti con quelle più a sud in modo da consentire una migliore sistemazione di più navi da crociera in caso di arrivi contemporanei in città. Ed in tema di crocerismo, anche il rifacimento del terminal, quattro volte più grande di quello esistente. La progettazione è stata aggiudicata a due studi di Milano, i lavori dovrebbero iniziare alla dine della stagione croceristica del 2018.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi