MESSINA

Simona, condizioni gravi ma stazionarie

La 19enne travolta venerdì da un tabellone di cantiere alla fermata del bus del Cavallotti. Il primario di Rianimazione del Policlinico di Messina, Antonio David, anche stamattina ha confermato il permanere dello stato di coma post-traumatico. I sanitari supportano le funzioni vitali della giovane e mantengono costante la neuroprotezione farmacologica. La prognosi resta riservata

Crollo cartellone, proseguono le indagini

Sono sempre stazionarie nella loro gravità le condizioni di Simona, la 19enne travolta venerdì da un tabellone di cantiere alla fermata del bus del Cavallotti. Il primario di Rianimazione del Policlinico di Messina, Antonio David, anche stamattina ha confermato il permanere dello stato di coma post-traumatico. I sanitari supportano le funzioni vitali della giovane e mantengono costante la neuroprotezione farmacologica. La prognosi resta dunque riservata. Una tragedia, questa della ragazza di Galati Marina, che ha sconvolto l'intera città e sulla quale è in corso un'inchiesta della procura per accertare le responsabilità della mancata rimozione di un tabellone del 1991. L'Atm, che gestisce il silos, sta preparando una relazione dettagliata come richiesto dal sostituto procuratore Piero Vinci. Indagini anche da parte della sezione giudiziaria della Polizia municipale. Fuori dal reparto di rianimazione, a tentare di alleviare l'immenso dolore dei genitori e dei due fratelli di Simona, numerosi amici che, da quella drammatica mattina, le manifestano grande affetto anche sul suo profilo fb, dove, anche gente a lei sconosciuta, le esprime solidarietà e vicinanza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi