messina

Rifiuti, scendono in campo le associazioni dei consumatori

A pochi giorni dall'arrivo delle bollette Tari indice puntato su amministrazione e consiglio comunale. Intanto domani presenteranno un'istanza all'Asp affinché verifichi se sussistono o meno le carenze igienico sanitarie sulle strade del comune di Messina

Rifiuti, scendono in campo le associazioni dei consumatori

L'idea, neanche tanto provocatoria, è quella di istituire uno sportello dedicato, al quale gli utenti potranno rivolgersi per segnalare disservizi o anomalie del servizio di raccolta dei rifiuti. Sarebbe la risposta all'apertura di una pagina Facebook annunciata dall'assessore all'ambiente attraverso la quale segnalare le criticità che, ormai da anni, si possono riscontrare in ogni angolo della città. E così tre associazioni di consumatori intendono pungolare l'amministrazione, ma anche il consiglio comunale, su un'emergenza che ormai sembra essere senza fine.

Due sigle a carattere nazionale, Adoc e Confconsumatori ed una regionale, Sicilia Consumatori, a sostegno di una protesta che non si esterna in forma eclatante ma che raccoglie consensi da parte della cittadinanza che tra pochi giorni inizierà a ricevere i bollettini per il pagamento della tari. La Tassa per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti soldi urbani. Quelli che invece, troppo spesso, restano per giorni e giorni accalcati sulle strade, per un motivo o l'altro. Che può anche essere valido, ma che non può essere accettato da chi è costretto a sborsare di tasca una cifra ingente per un servizio che non viene erogato, quantomeno con regolarità.

A Messina, come è noto viene applicata la tariffa più alta, poi, e questo non può che risultare coma una beffa, oltre al danno. Le tre associazioni di consumatori non esentano da responsabilità il consiglio comunale definendo grottesco lo spettacolo offerto da oltre un mese in merito alla vicenda legata al passaggio da una società sull’orlo del fallimento ad una nuova società. Ai rappresentanti del civico consesso chiedono, a prescindere dalla loro presenza in aula, di rendere note le reali intenzioni sull'approvazione o meno della delibera tanto in discussione.

Commenti all'articolo

  • infe42

    09 Giugno 2017 - 15:03

    La Procura dovrebbe invece indagare l'Asp,che ha omesso di accertare le gravi cause di emergenza sanitaria,che avrebbero fatto condannare il Comune e ,salvato i cittadini dal pagamento di una cifra spropositata per un servizio mai fornito alla citta',per manifesta incapacità degli amministratori. Ridicolo e patetico l'assessore,dopo quattro anni si e accorto che il suo servizio non funziona !!!!!

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Cairoli, non solo la ruota

Cairoli, non solo la ruota

di Domenico Bertè