Giardini

Corteo G7, commercianti impauriti

E c'è chi ha pagato un 'assicurazione di 600 euro per 3 giorni

Corteo G7, commercianti impauriti

Il corteo 'No G7' temuto quanto uragano. E' l'effetto che offre stamattina Giardini Naxos, città delle riviera Ionica dove sabato pomeriggio si terrà la manifestazione contro il summit di Taormina. Commercianti e negozianti stanno 'proteggendo' ingressi e vetrine delle loro attività 'blindandole' con delle assi di legno e barre di metallo. Tra gli abitanti, soprattutto tra i commercianti, è forte il timore di scontri e di danni alle strutture. Per sabato il sindaco ha emesso un'ordinanza che, tra l'altro, dispone la chiusura di scuole e negozi.

I 'lavori' di protezione sono già in corso in diversi negozi lontani dalla riva, mentre sul lungomare i negozi sono regolarmente aperti e frequentati da turisti. Ma ance lì i commercianti stanno facendo preparare delle 'blindature' da mettere davanti a saracinesche e vetrine per sabato. Un panettiere mette in sicurezza la statua di ceramica di un Santo esposto davanti al suo negozio: "sta qui da 50 anni - spiega - e non vorrei che venisse danneggiato o, peggio, distrutto". Una fotografa sta organizzandosi per 'mettere in sicurezza' la sua sede perché, osserva, "non si sa mai: meglio prevenire". Un piazzaiolo è andato oltre ha stipulato un'assicurazione per danni causati da "eventi socio-politici". "Avevo chiesto la copertura per tre giorni - rivela - ma l'agenzia mi ha detto o per un anno o niente, nel dubbio ho pagato i 600 euro previsti...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi