Arriva il Giro

Quando nel 2011 Accorinti sparava a zero...

Da attivista “no ponte” invitava alla protesta i cittadini durante il passaggio della corsa rosa. «È uno scandalo che vengano colmate le buche e si intervenga sulle strade solo perché passa il Giro o arrivano il Papa e il presidente della Repubblica»

Quando nel 2011 Accorinti sparava a zero...

Corsi e ricorsi della storia. Che dimostrano come sia molto più facile star fuori dai centri decisionali che non avere ruoli di responsabilità di cui dare conto, poi, alla cittadinanza.

Era il 2011: passava il Giro d’Italia a Messina. E l’attivista Renato Accorinti, con la sua divisa d’ordinanza (la maglietta “No al Ponte”, sostituita nel 2013 da quelle colorate “free Tibet”), scendeva in piazza e chiedeva ai messinesi di mobilitarsi. «Tutti in strada – era il suo appello ai microfoni delle tv locali –, perché così la stampa nazionale potrà sapere che Messina non è una città normale». Si scaldava, il pacifista Accorinti, tuonando contro l’amministrazione dell’epoca: «È uno scandalo che vengano colmate le buche e si intervenga sulle strade solo perché passa il Giro o arrivano il Papa e il presidente della Repubblica». Si scagliava contro le Ferrovie: «Stanno dismettendo tutto». E poi erano trascorsi solo due anni dalla tragedia di Giampilieri e, dunque, al centro dell’attenzione vi erano anche i temi del dissesto idrogeologico e dell’assistenza alle famiglie alluvionate.

Morale di questa favola? Caro Accorinti, cosa direbbe oggi se qualcuno mercoledì prossimo manifestasse perché alcune strade piene di buche sono state asfaltate solo in occasione del Giro?

Commenti all'articolo

  • Mnndd

    07 Maggio 2017 - 08:08

    Direbbe che, come avete anche scritto voi alcune settimane fa su un articolo, i soldi per per le strade sono arrivati da poco e gli appalti sono stati assegnati un mese fa, quindi la chiamerei una coincidenza.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi