CALCIO

Il Messina chiude a Vibo

Ultima partita della stagione regolare domani alle 17.30. La squadra giallorossa è a caccia di un risultato positivo per chiudere nel migliore dei modi in attesa che martedì il tribunale federale nazionale si pronunci sul caso fideiussione per il quale i giallorossi potrebbero essere penalizzati di due punti. Sul fronte formazione, il tecnico Lucarelli recupera in difesa Rea mentre non può contare sugli infortunati Foresta e Ciccone

Messina, mercato fermo

Per evitare di fare troppi calcoli, il Messina è chiamato anche a Vibo Valentia a dare un seguito alle due vittorie consecutive con Lecce e Cosenza che hanno tirato fuori dai guai i giallorossi dopo la clamorosa debacle casalinga con il Melfi. In classifica il Messina ha 43 punti ma sulla sua testa pende la spada di Damocle del tribunale federale nazionale che martedì pomeriggio potrebbe togliergli due punti per la vicenda della fideiussione, non presentata dalla vecchia proprietà entro lo scorso 31 gennaio in sostituzione di quella vecchia, stipulata con la Gable. Sentenza, in qualche modo annunciata dal presidente della Legapro Gabriele Gravina. A quota 41, il Messina non può ritenersi salvo perché nel gioco del 27 combinazioni tra le squadre in lotta per evitare i play-out ce ne sono due che potrebbero condannare i giallorossi, mai, comunque, con una fino a due reti di scarto. Una prevede l'arrivo a pari punti proprio con la Vibonese. Per farla breve, una vittoria dei calabresi con tre o più gol di margine manderebbe all'inferno i peloritani. Stesso problema se il Messina concludesse a 41 anche con Monopoli e Akragas, impegnate in Puglia nello scontro diretto. Le altre 25 combinazioni sono tutte favorevoli ai peloritani. Obiettivamente difficile che il Messina finisca ai play-out anche se occorre evitare i trappoloni, tipo quello dell'allenatore della Vibonese Sasà Campilongo che ha già fatto sapere di essere maggiormente interessato ad un successo col minimo per guadagnare la migliore posizione possibile in vista dei play-out piuttosto che ad una larga vittoria che lo tolga definitivamente dai problemi.
Sul fronte formazione, il tecnico Cristiano Lucarelli recupera in difesa Angelo Rea che potrà fornire il suo contributo d'esperienza in una partita in cui bisognerà tenere i nervi a posto, specie se le cose non dovessero mettersi nel verso giusto. Per il resto, le indisponibilità di Foresta e Ciccone, non danno molta scelta all'allenatore livornese che potrebbe optare per il 3-5-2 stesso sistema di gioco adottato dai calabresi. Sulla fascia sinistra dovrebbe giocare De Vito, con Sanseverino e Da Silva ai lati di Musacci, con l'opzione Capua che rimane viva. In avanti Milinkovic e Anastasi. Oltre alla propria forza, il Messina potrà contare sul sostegno incondizionato dei suoi sostenitori, presenti anche a Vibo in buon numero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi