Messina

I tronchi diventano pezzi d'arte

Messina prima città del meridione a riqualificare artisticamente i tronchi degli alberi mozzati grazie ad un'iniziativa promossa da Puli-AMO Messina, ORAdesign e l'artista Salvatore Anastasi che realizzerà "la metamorfosi di Colapesce".

I tronchi diventano pezzi d'arte


E' scattata oggi la prima riqualificazione artistica di un tronco mozzato a seguito del piano abbattimento alberi a rischio schianto. L'opera scultorea sorgerà a Largo San Giacomo e sarà realizzata dal maestro del legno Salvatore Anastasi. 

"Rinascere Albero - la seconda vita di un tronco" è un'iniziativa promossa dal gruppo Puli-AMO Messina (attuale adottatore dell'area archeologica alle spalle del Duomo) e da OraDesign (startup che crea arredi d'arte e design con materiali di post consumo). Il progetto colloca Messina come prima realtà del Meridione (seconda solo a Roma a livello nazionale) a dare nuova vita alla fine "in"naturale di un albero abbattuto, sfruttando le enormi potenzialità della materia lignea, ancora capace di regalare emozioni. La nuova scultura, incisa sul legno dal maestro Anastasi, vestirà il tronco di una ritrovata bellezza trovando ispirazione dal mito di Colascepe, la cui "metamorfosi" è inoltre un chiaro sillogismo con la rinascita del tronco stesso.

La realizzazione dell'opera, accompagnata musicalmente dall'artista Francesca Saffioti, ha anche l'aspirazione di essere un'accattivante attrattiva turistica per i circa 5000 turisti previsti per giovedì mattina in cui faranno scalo contemporaneamente nel porto di Messina tre navi da crociera (MSC Armonia, Oriana di P&O Cruises e Riviera di Oceania Cruises). 


Il maestro Salvatore Anastasi, tra i massimi esponenti viventi della scuola siciliana nel mondo con alle spalle un ricco bagaglio di opere dal grandissimo valore artistico (tra le quali si ricordano il complesso monumentale de “Il Portale della Natività” in mostra nella “XXIV Mostra Internazionale del Presepe nell’arte e nella tradizione” presso l’Arena di Verona, la decorazione monumentale dell’Altare di S. Giuseppe per la Chiesa Matrice S. Nicola di Saponara e la Cappella “S. Francesco penitente” presso il Santuario di Calvaruso “Ecce Homo” in cui è esposto un Crocifisso da lui realizzato) darà un proprio tributo volontario alla città di Messina e al lavoro svolto da Puli-AMO Messina per la cura e la manutenzione di Largo San Giacomo, dando un importante valore aggiunto alla nuova opera scultorea.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi