Turismo, partenza col botto alle Eolie

La stagione promette magnifiche sorti. Anche il secondo lungo ponte regala sorrisi. Presenze record anche per l’approdo di due navida crociera. Soddisfatti i titolari di strutture ricettive

Turismo, partenza col botto alle Eolie

Regala sorrisi agli imprenditori turistici eoliani il “ponte” del primo maggio. È stato, infatti, decisamente positivo l’afflusso turistico in quello che può essere considerato il secondo appuntamento d’apertura della stagione, dopo il lungo weekend del 25 aprile. E adesso, con ottimismo si guarda al lungo fine settimana dell’uno e due giugno, festa della Repubblica.

La “parte del leone” l’hanno fatta gli escursionisti che hanno preso d’assalto le aree panoramiche e paesaggistiche delle varie isole, così come i crateri di Vulcano e Stromboli. Discreto riscontro anche per le escursioni in barca dove quella “più gettonata” è stata, come sempre, d’altronde, quella notturna a Stromboli. Escursione che consente, dal tratto di mare antistante la sciara del fuoco, di assistere allo spettacolo rappresentato dalle esplosioni dal cratere. Gran pienone, in particolare il primo maggio, al Museo “Bernabò Brea” e più in generale nell’intera area archeologica del castello di Lipari. Non è mancato il malcontento tra coloro che hanno raggiunto il parco archeologico di contrada Diana e hanno trovato i preziosi reperti praticamente seppelliti dalle erbacce. Ad incrementare il movimento nelle strade di Lipari hanno contribuito i croceristi sbarcati da due navi che hanno fatto tappa nell’isola. Un po’ in tutte le isole e nelle diverse frazioni non è mancato l’appuntamento con la tradizione. Per festeggiare San Giuseppe lavoratore è stato preparato e distribuito ai presenti il classico “quadaro”, una miscela di legumi vari, in alcuni posti abbinato alla pasta e ai dolciumi, cucinato rigorosamente secondo ricette classiche. Le condizioni meteo favorevoli, ed un sole caldissimo che il primo maggio ha imperato nelle isole, hanno spinto tante persone in riva al mare, con i più “audaci” che si sono concessi il primo bagno della stagione. Insomma, dopo Pasqua, un altro ottimo segnale, confermato dai passaggi sui mezzi di linea che hanno viaggiato sempre pieni sino a ieri mattino, che lascia ben sperare in vista della stagione turistica estiva.

E a proposito di turismo dobbiamo sottolineare come ieri il consiglio comunale di Lipari ha chiarito una delle anomalie che erano presenti all’interno del regolamento del ticket di sbarco e che aveva forti perplessità e proteste: lo ha fatto attraverso un ordine del giorno “esplicativo”. In pratica i turisti che soggiornano in una delle sei isole del Comune di Lipari e che si muovono, nell’arco della giornata, all’interno di questo territorio comunale o verso Milazzo e Messina, non dovranno ripagare il balzello già versato all’atto dell’imbarco originario. Unico obbligo bisognerà alla partenza per l’escursione, o per il viaggio verso Milazzo e Messina, farsi emettere un biglietto di andata e ritorno. In precedenza il regolamento prevedeva il pagamento per ogni spostamento. Dovrà pagare il ticket, invece, chi soggiorna a Salina e si sposta nel territorio del Comune di Lipari e chi dal territorio comunale liparese raggiunge l’isola verde. Questi ultimi non pagheranno il ticket al ritorno nelle isole del Comune di Lipari, a patto che rientrino in giornata. Il prossimo anno anche questa “anomalia” dovrebbe essere superata. L’idea è quella di un ticket di sbarco che consenta di muoversi in tutte le isole, indipendentemente dal fatto se la “residenza” del turista siano le sei isole del Comune di Lipari o Salina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi