Presunta concussione

Arrestati sindaco e vice di San Filippo del Mela

Al centro delle indagini ci sarebbe la dazione di una tangente di 12mila euro

Arrestati sindaco e vice di San Filippo del Mela

Pasquale Aliprandi

San Filippo del Mela (Messina)

I carabinieri del R.O.S. hanno notificato questa mattina due ordinanze di custodia cautelare (agli arresti domiciliari), emesse dal Gip del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto su richiesta del procuratore capo Emanuele Crescenti, a carico di Pasquale Aliprandi, sindaco del comune di San Filippo del Mela (Messina) e del suo vice  Giuseppe Recupero.


Il procuratore capo Emanuele Crescenti

Le indagini erano state avviate nel 2010 con la Ddda di Messina e successivamente coordinate dalla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto, dal procuratore Crescenti  e dal sostituto Alessandro Liprino, e sono state condotte anche attraverso servizi di intercettazione effettuati dai Carabinieri del Ros di Messina. L'inchiesta ha consentito  di raccogliere gravi indizi relativi all'attività di concussione per ottenere l'autorizzazione del Parco Commerciale “La città della moda, del commercio e della tecnologia”, che sarebbe dovuto sorgere nella contrada Archi di San Filippo del Mela. Al centro delle indagini ci sarebbe la dazione di una tangente di 12mila euro. 

All'epoca dei fatti Aliprandi ricopriva la carica di vice sindaco, mentre Recupero era assessore al Commercio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Cairoli, non solo la ruota

Cairoli, non solo la ruota

di Domenico Bertè