Messina

Una Smart anfibia solcherà lo Stretto

In estate la traversata che unirà Messina a Villa S. Giovanni

Una Smart anfibia solcherà lo Stretto

Dopo Smart “For rail”, che ha portato la regina delle citycar a viaggiare lungo i binari della ferrovia, Smart è pronta adesso a conquistare le acque di tutto il mondo con l’affascinate concept “For sea”, la prima vettura anfibia nella storia di Smart.

Una nuova concept car che realizza il sogno di viaggiare senza confini, anche quando l’asfalto finisce. Il varo di Smart “For sea” è previsto per la ormai imminente prossima estate in Italia, il Paese che ha maggiormente contribuito al successo di Smart nel mondo, con la traversata inaugurale dello Stretto di Messina.

Smart “For sea” dà così seguito alla lunga storia di “water car” iniziata ai primi del 1900 e proseguita negli anni successivi, principalmente per impieghi militari.

Il progetto “For sea” ha coinvolto “Focaccia Group” di Cervia, eccellenza del Made in Italy già protagonista nell’allestimento della “For food”, il primo ristorante stellato a quattro ruote.

La prossima estate Smart si prepara dunque ad unire l’Italia, collegando Messina a Villa San Giovanni con il varo inaugurale di “For Sea”, la sorprendente concept car che allarga gli orizzonti della regina delle citycar. Grazie ad un attento studio fluidodinamico e ad un’innovativa tecnologia che permette di inclinare le ruote di 35 gradi, armonizzandosi con le linee dello scafo e del sottoscocca, Smart “For sea” è in grado di assicurare una velocità di crociera di 10 nodi, toccando punte di 15, con un’autonomia di navigazione di 3 ore. Il volante assicura la perfetta governabilità della water car, direzionando l’idrogetto con estrema precisione, in linea con la spiccata agilità di fortwo.

Il motore, che è stato montato posteriormente, ed eroga una potenza di 90 cavalli, ha facilitato l’integrazione di un idrogetto appositamente progettato e collegato ad una presa di forza sul differenziale posteriore.

Il passaggio di trazione tra le ruote posteriori e l’idrogetto è assicurato da una centralina elettronica che gestisce il bloccaggio del differenziale ed il trasferimento della coppia dagli assali alla presa di forza.

La vettura è al momento in fase di perfezionamento anche se sono già moltissimi gli appassionati di Smart, e del mondo collegato a questa simpatica vetturetta, che già attendono con ansia questo insolito appuntamento dove la piccola auto, molto diffusa in Italia e in gran numero circolante sia sulle strade di Messina che di Villa San Giovanni, collegherà virtualmente l’Italia con una prova che già promette di richiamare migliaia di persone sia sulla sponde siciliane che sulle dirimpettaie calabresi.

Tutto è insomma pronto: quello che manca è solo la data ufficiale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi