Inchiesta Cas

Premi... per fotocopie o “a sua insaputa”

I retroscena di alcuni interrogatori di garanzia svolti durante le indagini

Premi... per fotocopie o “a sua insaputa”


MESSINA

Nel corso delle indagini sono state sentite formalmente 58 persone. Ben 51 si sono avvalse della facoltà di non rispondere, e solo 7 hanno parlato. Così si è scoperto che gli incentivi, li percepiva pure un dipendente che faceva... soltanto fotocopie, oppure c’erano quelli concessi “a sua insaputa”.

Ecco quale esempio degli interrogatori. Nel maggio del 2015 Giovanni Giaimo ha dichiarato di aver partecipato a un solo progetto nel 2012 e relativo alla pavimentazione della tratta autostradale Messina-Patti e Patti-Furiano, ha precisato che «nell’ambito di questo gruppo di lavoro ho svolto le stesse attività che avrei svolto anche nell’ipotesi in cui non fossi stato coinvolto in tale attività». In quella sede ha confermato le precedenti dichiarazioni rese nel febbraio 2014: «la mia attività in seno al gruppo di lavoro consisteva nella elaborazione di tabelle relativa ai flussi veicolari nei tratti interessati dal progetto. Tale compilazione di tabelle era una attività che avevo già reso per dovere d’ufficio, comunque non riconosciuti da incentivi progettuali, in relazione ai rapporti del Cas con altri Enti e per tratte autostradali diverse», precisando inoltre che «... il lavoro di elaborazione delle tabelle, redatte per il progetto, è stato da me espletato in ufficio, trasmesso al geom. Magro e discusso anche con il Rup Sceusa e comunque normalmente nelle ore ordinarie d’ufficio; è capitato anche fuori dal normale orario di lavoro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi