Polizia Tributaria

Corruzione e reati finanziari, perquisizioni anche a Messina

Da un’analisi di flussi finanziari esaminati nell’ambito dell’inchiesta su Mafia Capitale ha preso spunto, a Roma, un’inchiesta culminata in perquisizioni eseguite in diverse città italiane

Corruzione e reati finanziari, perquisizioni anche a Messina

Da un’analisi di flussi finanziari esaminati nell’ambito dell’inchiesta su Mafia Capitale ha preso spunto, a Roma, un’inchiesta per ipotesi di reato di corruzione e di violazioni delle norme tributarie culminata in perquisizioni eseguite in diverse città italiane nei confronti di una trentina di indagati e di altrettante società, a loro volta iscritte nell’apposito registro della procura.
Non si tratta di un rivolo di Mafia Capitale, ma di un’inchiesta che ha preso spunto dai meandri emersi nel corso di quella vicenda giudiziaria.


I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria-Gico, guidati da Cosimo Di Gesù, hanno anche acquisito, in virtù di un ordine
di esibizione dell’autorità giudiziaria, documenti presso la Regione Lazio e, in collaborazione con i reparti territorialmente competenti, nelle province di Catania, Messina, Torino, Firenze, Bologna, Ravenna, Milano, Varese e Trento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi