Messina

Il Piemonte-IRCCS polo ospedaliero di primo livello

Il riconoscimento arriva nell'ambito del piano sanitario regionale approvato ieri a Roma. Il 15 maggio il ministro della salute Beatrice Lorenzin inaugurerà i nuovi reparti. All'IRCCS anche la gestione sanitaria dell'Istituto Marino di Mortelle

L’Irccs di Messina apre un reparto a Salemi

Il prof. Placido Bramanti - Dir. scientif. Irccs Bonino-Pulejo

Se qualcuno nutriva dei dubbi sulla bontà del progetto del nuovo corso dell'ospedale Piemonte, eccolo servito. Alle soglie dei sei mesi di gestione Irccs il nosocomio di viale Europa ha imboccato la strada che presto lo porterà ad essere un fiore all'occhiello della sanità messinese. E non solo. Le opere avviate a tempi di record nella prima ala da riqualificare, sono sul punto di essere completate. Tra poco più di un mese sarà il ministro della salute Beatrice Lorenzin a tagliare il nastro di questi reparti che il ministro degli esteri Alfano ha visitato sabato scorso relazionando proprio la titolare del dicastero competente sull'avanzato stato dei lavori. E ieri l'ufficialità di essere diventata, da presidio, una base Dea di primo livello. “L'acquisizione di maggiori professionalità, discipline e specialità afferma con soddisfazione il direttore scientifico dell'IRCCS, Placido Bramanti, il che vuol dire avere a disposizione un'ampia offerta tecnologica e sanitaria in grado di coprire tutti i settori più delicati e importanti che vanno dall'emergenza-urgenza alle neuroscienze”.
Un riconoscimento che arriva nell'ambito del piano sanitario siciliano approvato ieri a Roma dai ministeri all'Economia e alla Salute.
E nel frattempo nel nosocomio di viale Europa si lavora alacremente, anche di domenica se il caso, per completare i nuovi reparti. Come ha illustrato la scorsa settimana il direttore generale Angelo Aliquò nel corso di un sopralluogo, in dirittura d'arrivo quelli al piano terra dove verranno gli ambulatori per l'assistenza territoriale, verrà allargato il reparto di osservazione Breve Intensiva per un pronto soccorso più moderno e più accogliente. L'obiettivo è quello di fare in modo che all'interno del pronto soccorso si possono trovare anche degli ambulatori specialistici dedicati in modo da offrire più tipi di assistenza.
Si lavora inoltre alla sala conferenze, alla centrale di produzione del 118 e si stanno serrando i tempi per concludere entro pochi giorni la parte della riabilitazione neurovascolare che, all' ex padiglione 4, prenderà il posto della terapia intensiva neonatale trasferita al Papardo. E non appena saranno completati e inaugurati questi locali, inizieranno i lavori per adeguare alle esigenze i locali dell'istituto Marino di Mortelle di cui l'Irccs ha avuto la gestione sanitaria e il 14 aprile avverrà la consegna ufficiale. Diverrà un bioparco delle intelligenze e neurofragilità. Un altro polo avanzato e di eccellenza che proietterà ancora  più in alto Messina nella qualità dell'offerta sanitaria

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi