Messina

Protesi d’oro, tre medici a giudizio

Si tratta del prof. Letterio “Elio” Calbo, 68 anni, all’epoca dei fatti a Endocrinochirurgia del Policlinico; del suo vice, il prof. Massimo Marullo, 58 anni, e del dott. Enrico Calbo, 39 anni, figlio del prof. Elio

Protesi d’oro, tre medici a giudizio

Rinvio a giudizio per i tre medici del Policlinico di Messina imputati nell’ambito del processo sulle “Protesi d’oro”, deciso oggi dal gup Monica Marino a conclusione dell'udienza preliminare sulla vicenda. Si tratta del prof. Letterio “Elio” Calbo, 68 anni, all’epoca dei fatti a Endocrinochirurgia del Policlinico; del suo vice, il prof. Massimo Marullo, 58 anni, e del dott. Enrico Calbo, 39 anni, figlio del prof. Elio, all’epoca specializzando nello stesso reparto diretto dal padre. Il gup Marino ha accolto la richiesta di processo per i tre medici formulata dal pm Roberto Conte.

A tutti e tre i sanitari vengono contestati, in concorso, i reati di falso materiale e falso ideologico del pubblico ufficiale, peculato e truffa aggravata consumati nell’esercizio delle loro funzioni di dirigenti medici dell’Azienda ospedaliera Policlinico tra il 2011 e il 2013. L’attività investigativa della Sezione di Pg della polizia, coordinata dal sostituto Antonella Fradà, fu avviata nel giugno 2013. È stato accertato che interventi di chirurgia estetica (mastoplastica) eseguiti dal prof. Massimo Marullo e dal dott. Enrico Calbo, venivano fatti risultare come necessari per la rimozione di patologie oncologiche, che in realtà erano inesistenti.


MAGGIORI PARTICOLARI NELL'EDIZIONE DI DOMANI DELLA GAZZETTA DEL SUD

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi