MESSINA

Costituita la MessinaServizi

Il primo luglio dovrebbe prendere pieno possesso di tutta l'attività di gestione del ciclo dei rifiuti raccogliendo l'eredità della Messinambiente e di Ato 3 da tempo e per motivi diversi in liquidazione

Rabbia e preoccupazione

Il parto è' avvenuto ed ora la creatura deve crescere e convincere tutti di essere migliore delle sorelle maggiori. La MessinaServizi e' stata formalmente costituita ed ora può muovere i primi passi. Non potranno essere quelli di un bebè ma dovrà già iniziare a correre se si vuole arrivare al primo appuntamento in tempo. Il primo luglio dovrebbe prendere pieno possesso di tutta l'attività di gestione del ciclo dei rifiuti raccogliendo l'eredità della Messinambiente e di Ato 3 da tempo e per motivi diversi in liquidazione.
Tre mesi di tempo per fare mille cose, tre mesi per mettere insieme uomini e competenze in un nuovo contenitore, senza debiti e senza più alibi sulla possibilità di investimenti.
La scelta di ieri notte del primo amministratore unico che di fatto è' il presidente e' assolutamente in linea con quelle che sono le strategie che muovono il programma di governo dell'assessore Ialacqua e della Giunta. Ha vinto la selezione uno dei massimi sostenitori della cultura rifiuti zero in Sicilia, un esperto dell'ambito, anche lui spesso in prima linea nelle battaglie ambientaliste della città e dell'isola. Per il professore di fisica dell'Università di messina, subito tanto lavoro. Dovrà intanto riempire la seconda casella del management della messina servizi, quella del direttore generale . In questo caso scatterà un bando più dettagliato di quello lanciato per la scelta dell'amministratore unico. Sarà cercato un tecnico al 100%, un manager del settore in grado di gestire una azienda con un fatturato destinato a sfiorare i 50 milioni e con 550 dipendenti. Ma non sarà solo Beniamino Ginatempo in queste settimane a dover correre dietro le mille inconbenze della nuova Spa.
Senza l'affidamento del servizio, questa multiservizi anche dopo l'atto notarile, resterebbe una scatola vuota. Bisogna d fatto armarlae,darle compiti e farle raccogliere autorizzazioni, e soprattutto metterla nelle condizioni di poter assorbire i dipendenti delle due società in liquidazione. La precedenza sarà data ai 50 di Ato 3, poi si passerà ai MessinAmbiente.
L'affidamento della gestione a MessinaServizi deve essere votato dal consiglio comunale. e' all'ordine del giorno da un mese ma non è stato ancora calendarizzato. I sindacati hanno già chiesto un'accelerazione ed adesso i tempi sono davvero maturi per l'analisi definitiva da parte dell'aula.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi