Messina

Cane abbandonato
perché vecchio

Trovato in un cassonetto e salvato dagli agenti del Nucleo decoro della polizia municipale

Cane abbandonato perché vecchio

Gli occhi tristi e impauriti, nelle zampe la sola forza di fare ancora quattro passi per cercare da mangiare, la vista ormai quasi assente ma tanta voglia di fare festa a chi, con lui, si è dimostrato affettuoso e lo ha salvato da una fine certamente atroce.
È l’ennesima triste e crudele storia di abbandono di cani quella che, ieri mattina, si è verificata a Santa Margherita dove, in prossimità di contrada Runci, qualcuno, privo di scrupoli, approfittando di un attimo di distrazione da parte dei residenti e degli automobilisti in transito, ha buttato un vecchio, ormai indifeso e malconcio cane da caccia all’interno di un cassonetto della spazzatura. Di lì a poco - come è stato poi accertato - sarebbe passato il compattatore di “MessinAmbiente” per il recupero dei rifiuti: tutto il contenuto di quel cassonetto sarebbe così finito all’interno di una grande vasca d’acciaio installata sull’autoarticolato. La pressa e le lame che servono a ridurre in poltiglia i rifiuti avrebbero fatto il resto.
Ma, fortunatamente, qualcuno si è accorto di quel cane e ha dato subito l’allarme.
Gli agenti del nucleo “Decoro” della polizia municipale, avvisati dalla centrale operativa e su disposizione del commissario Biagio Santagati, hanno in pochissimo tempo raggiunto il luogo indicato riuscendo a recuperare l’animale la cui unica colpa, probabilmente, è quella di non riuscire più ad “assolvere” i propri compiti proprio per l’età e i tanti acciacchi.
Rifocillato e tranquillizzato, il cane -  ormai  ritenuto inservibile dal suo padrone e, quindi, ormai un peso da eliminare al più presto - è stato trasferito dalla polizia municipale prima in uno studio veterinario di via Dogali dove la responsabile gli ha gratuitamente fatto il bagno e ha rimosso le decine di zecche trovate sul  corpo. Eseguiti anche alcuni accertamenti dai quali è risultato che l’animale, probabilmente da tempo, non veniva alimentato adeguatamente. «Non si esclude - fanno sapere gli investigatori - che fosse anche questo un modo, crudele,  per accelerarne la morte».
 Stamattina “Bracco”, come è stato soprannominato, verrà invece trasferito alla Clinica universitaria in attesa di una famiglia pronta ad accoglierlo per questo poco tempo, data l’età avanzata, che ormai gli resta da vivere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi