Messina

Quei furti alla sala giochi e al bar risolti... convocando i ladri

I retroscena nel provvedimento del gip De Francesco. Perfino un uomo che aveva subito il “rapimento” del suo cane, invecedi denunciare tutto, chiese ed ottenne al boss la restituzione dell’animale

Quei furti alla sala giochi e al bar risolti... convocando i ladri

Nella storia di Mangialupi l’arlecchino un po’ rotondo di case sgangherate e mattoni forati alla rinfusa che si scorge guardando dall’alto questa roccaforte criminale, siamo un po’ più su di Gazzi, è emblematico di un contesto che dalla metà degli anni ’80 è divenuto una enclave mafiosa a tutti gli effetti.

Viuzze controllate dai motorini del clan, videocamere di sorveglianza per spacciare droga in tranquillità, bar e distributori di benzina adoperati come basi per riunioni al vertice e pianificazione degli affari “sporchi”.

Le ondate giudiziarie a cadenza regolare hanno più volte azzerato tutto, ma puntualmente con nuovi organigrammi la mafia e le sue propaggini malate si sono riproposte riagguantando quella fetta di potere omertoso che controlla il territorio.

Questa volta non soltanto con la droga o le estorsioni, ma attraverso le “macchinette mangiasolidi”, le slot-machine, distribuite non soltanto in città ma anche in altri centri.

Anche questa volta però, lo Stato ha ripulito una zona in cui sono anche tante le persone oneste che si sbattono dalla mattina alla sera per sbarcare il loro lunario non più nuovo lavorando onestamente.

E i contorni dell’operazione “Dominio” tratteggiati nella lunga ordinanza di custodia cautelare siglata dal gip Monia De Francesco, contengono alcuni passaggi che dimostrano come in determinate circostanze la gente finisce per rivolgersi ai mafiosi - in questo caso la figura preminente è Domenico La Valle con la sua cerchia di “sgherri” - e non alla Legge, se rubano qualcosa o c’è una “questione” da sistemare.

Stroncare tutto questo è stato fondamentale. Tra le 221 pagine del provvedimento ci sono alcuni di questi episodi che vale la pena di raccontare per capire il contesto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi