Indagini

Bilanci comunali, nuova inchiesta a Messina

Un consulente della Procura ha acquisito gli atti contabili della giunta Accorinti. L’ipotesi è “falso in atto pubblico”, al centro documenti tra il 2014 e il 2016

Bilanci comunali, nuova inchiesta a Messina

Un’acquisizione di tutta la documentazione contabile sui bilanci varati dalla giunta Accorinti. Cioé dal 2104 fino al 2016, un triennio. L’ipotesi di reato per adesso è il “classico” falso in atto pubblico che si contesta in tema di bilanci degli enti, ma non ci sono iscrizioni nel registro degli indagati.

È arrivato presto ieri mattina a Palazzo Zanca il consulente del pm Antonio Carchietti, che ha aperto un fascicolo sulla recente attività finanziaria comunale dopo aver ricevuto le cosiddette “plurime segnalazioni”, ovvero esposti o comunicazioni che sono giunte non soltanto da privati ma anche da “ambiti istituzionali”. Quindi in questa fase è un atto dovuto per il magistrato controllare che le affermazioni contenute negli esposti e nelle segnalazioni siano veritiere o meno. E lo farà in prima battuta il suo consulente, con una perizia che consegnerà nelle prossime settimane.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi