messina

Mense scolastiche, ancora un nulla di fatto

Non è ancora partito e non partirà neanche entro febbraio il servizio di refezione scolastica comunale. Stamattina seduta di commissione sull'argomento

Mense scolastiche, ancora un nulla di fatto

Durissima la presidente della commissione “Politiche Scolastiche”, Nora Scuderi: “L'amministrazione aveva assicurato che  il servizio mensa nelle scuole sarebbe partito a febbraio, ma invece dobbiamo prendere atto del fatto che si va avanti a spot pubblicitari, creando false aspettative ai cittadini”. Stamattina l'argomento era fissato all'ordine del giorno dei lavori dell'organismo consiliare, ma erano assenti i dirigenti e, non essendo ancora stata sostituita l'assessore Daniela Ursino, sarebbe stato come continuare a parlarsi addosso. La presidente è stata così costretta ad aggiornare la seduta alla prossima settimana , ma non ha nascosto il proprio disappunto per quanto sta accadendo. Dall'inizio di questo anno scolastico, infatti, i bambini delle scuole materne ed elementari, sono rimasti privi del servizio comunale di refezione. I dirigenti  e le famiglie hanno trovato una soluzione tampone attraverso l'autogestione. Il problema però persiste per i lavoratori, rimasti senza occupazione. “Nonostante tutti gli impegni assunti da questa amministrazione-  intervengono  Carmelo Garufi e Francesco Lucchesi, segretari generale e provinciale della Filcams CGIL – il servizio ancora è fermo. Così facendo si sta recando un danno economico, e non solo, a migliaia di cittadini messinesi. A pagare il conto- proseguono- sono gli ottanta lavoratori che ormai da mesi non percepiscono alcun reddito, i docenti che hanno difficoltà a mantenere il tempo pieno e le migliaia di piccoli utenti con le loro famiglie che si sono trovati sprovvisti di un servizio essenziale.” I due sindacalisti chiedono un  incontro urgente col sindaco e con il segretario generale per capire quali siano i problemi e avere date certe sul riavvio del servizio. Altrimenti ripartiranno le proteste. Da parte sua, il dirigente del dipartimento, Salvatore De Francesco, ha già esitato tutti gli adempimenti di  competenza. Il bando di gara è pronto da settimane, manca però l'impegno di spesa di un milione  e centomila euro da parte del ragioniere generale. Per Nora Scuderi è indispensabile che l'amministrazione garantisca un servizio che, anche se non obbligatorio, è legittimo e indispensabile, oltre che legato al diritto allo studio. Stamattina durante i lavori della commissione, data la mancanza dei rappresentanti dell'amministrazione oltre, che di notizie positive, il capogruppo di Pdr – Sicilia futura, Nino Carreri, ha chiesto alla presidente di inviare il report della seduta  al sindaco Accorinti, che più volte ha chiesto collaborazione al Consiglio, affinchè sappia come realmente vanno le cose e di chi sono le mancanze.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi