Demanio marittimo

Piano Spiagge a Messina: i cittadini si scatenano

Sono 48 le osservazioni pervenute all’Urbanistica negli ultimi 20 giorni

Piano Spiagge a Messina: i cittadini si scatenano

Da 0 a 48: le osservazioni di singoli cittadini sulle previsioni del Piano Spiagge o Pudm (Piano di utilizzo del demanio marittimo) sono piovute sul Comune negli ultimi 20 giorni. Un ovvio segnale d’interesse per il primo piano demaniale della città con 60 chilometri di costa, il cui iter si trascinava da un decennio, e che il 18 gennaio scorso, giorno di scadenza (non vincolante), in tema di osservazioni aveva fatto registrare uno sconfortante zero assoluto.

Non avevano dato risultati, infatti, in chiave di partecipazione dei messinesi, le forme di pubblicità attuate nell’ambito della “Consultazione al Rapporto ambientale: dalla pubblicazione all’albo pretorio e via stampa, alle lettere inviate dal Comune, alle associazioni interessate e anche a Cgil, Cisl, Uil. Ma alla fine, in extremis, nella nuova società digitale che i suoi fari li accende tutti all’improvviso, la voce della scadenza è corsa veloce e un discreto numero di messinesi ha battuto un colpo e scritto, i suoi rilievi o proposte, al dipartimento Urbanistica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi