Mafia sui Nebrodi

"Una cappa sulla libertà
che va spezzata"

Le parole del procuratore capo di Catania Carmelo Zuccaro

"Una cappa sulla libertà che va spezzata"

"Sui Nebrodi c'è una cappa che pesa sulla libertà delle persone, che va spezzata". Lo ha affermato il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, sull'inchiesta che ha portato all'arresto di nove indagati, a vario titolo, per associazione mafiosa e tentativo di estorsione, per aggirare il 'Protocollo di legalità' voluto dal presidente del Parco, Giuseppe Antoci. Lo dimostra anche, ha sottolineato il magistrato, "dall'omertà delle vittime che subiscono le intimidazioni". Il Procuratore ha "ringraziato per le indagini svolte con tempismo e grande professionalità dai carabinieri del Ros di Catania, del comando provinciale di Messina e della compagnia di Santo Stefano di Camastra".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi