cosa nostra nei nebrodi

Antoci: il protocollo legalità è fondamentale

"E' un duro colpo assestato ad importanti famiglie mafiose. Inoltre tutto questo è collegato agli effetti scaturiti dal protocollo legalità"

Antoci: Brutta esperienza ma vado avanti

"E' un duro colpo assestato ad importanti famiglie mafiose. Apprendo inoltre che tutto questo è collegato agli effetti scaturiti dal Protocollo di Legalità". Cosi' il presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci commenta l'operazione antimafia, coordinata dalla Dda di Catania, che avrebbe azzerato i vertici delle cosche di Cesarò e Bronte. "Sono contento - prosegue il Presidente Antoci - che il percorso di legalità e sviluppo che stiamo portando avanti continua e che stiamo liberando la Sicilia da un malaffare che durava da anni e che toglieva dignità agli agricoltori ed allevatori onesti. Tengo a ringraziare particolarmente i Carabinieri del Comando Provinciale di Messina, i Ros di Catania e la Compagnia di Santo Stefano di Camastra ed un ringraziamento particolare alla Dda di Catania - conclude Antoci - che continuano a dimostrare impegno, responsabilità e dedizione". "Il 23 febbraio - conclude Antoci - sarò a Roma alla Camera dei Deputati per presentare la Legge che di fatto allarga il Protocollo di Legalità a tutta Italia facendolo definitivamente diventare legge dello Stato. Questa è l'antimafia dei risultati e che trova credibilità nel lavoro e nella condivisione dei più alti valori della Legalità". (ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi