A/18 e A/20

Al via i lavori in autostrada

Da domani sfalcio degli arbusti e dei cespugli sporgenti sul nastro autostradale della tratta compresa tra la galleria Telegrafo, tangenziale di Messina, e lo svincolo di Falcone, in entrambe le direzioni di marcia. Intanto cominciati sulla Messina-Catania i lavori per sistemare il manto stradale ammalorato.

Al via i lavori in autostrada

L'appuntamento con il G7 di Taormina non è poi così molto lontano, anzi si avvicina sensibilmente ma l'autostrada Messina-Catania rischia di presentarsi a maggio non nelle migliori condizioni possibili. I problemi sono tutti legati al versante peloritano, in particolare alla frana di Letojanni e alla galleria Sant'Alessio. Per la prima, il progetto è duplice. Sgombero della carreggiata per consentire il regolare transito e creazione di una nuova galleria paramassi che eviti che il terreno possa ancora franare sulle corsie di marcia. Ma per le due operazioni i tempi sono lunghi, almeno un anno dopo l'avvio dei lavori. Per la seconda, invece, il Cas, con fondi propri, dovrebbe pubblicare a breve il bando e dare il via agli interventi. In attesa di eliminare queste criticità, si sta tentando di rendere più sicuro il percorso e, a tal proposito, sono già cominciati gli interventi per migliorare la A/18 prima della fine di aprile. Previsti lavori per gallerie, asfalto con l'eliminazione dei cosiddetti fossi di guardia, dove stagna l'acqua, e segnaletica. Nelle scorse settimane erano arrivate pesanti critiche sullo stato di salute della Messina-Catania anche per la differente manutenzione tra il tratto etneo e quello peloritano. Intanto il Cas guarda anche alla A/20. Da domani, la ditta Preve di Saponara, avvierà i lavori di sfalcio degli arbusti e dei cespugli sporgenti sul nastro autostradale della tratta compresa tra la galleria Telegrafo, tangenziale di Messina, e lo svincolo di Falcone, in entrambe le direzioni di marcia. Gli interventi cominceranno con la sagomatura dello spartitraffico dallo svincolo di Falcone . Per ridurre i disagi alla viabilità, saranno chiuse, di volta in volta ed alternativamente, le corsie di emergenza, marcia o sorpasso in corrispondenza dei cantieri.

Commenti all'articolo

  • Fil1049era

    05 Febbraio 2017 - 13:01

    CHISSÀ SE ANCHE LE 197 COLONNINE SOS VERRANNO RIPRISTINATE, GIÀ DA OLTRE 5 ANNI FUORI SERVIZIO IN TUTTE LE TRATTE DEL CAS. SI VUOLE RAMMENTARE (OVE N'È FOSSE NECESSARIO) CHE IL 35% DI SPESA (OBBLIGATORIA PREVISTA DALLA CONVENZIONE MINISTERIALE) PROVENIENTE DAGLI INCASSI INTROITATI DAL PEDAGGIO ANNUO, È DESTINATO ALLA MANUTENZIONE E/O ALL'AMMODERNAMENTO DEL MANUFATTO, LO STESSO INFATTI, NON È STAT

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi