MESSINA

Far West sul Viale Giostra

Momenti di terrore stamattina per un agguato nel quale sono stati feriti a fucilate due venditori ambulanti, padre e figlio. Le loro condizioni non sono gravi. Per la Polizia potrebbe trattarsi di un regolamento di conti negli ambienti dello spaccio di droga.

Far West sul Viale Giostra

A Messina si spara, in pieno giorno, fra la gente, fra le auto in transito. E' accaduto stamattina nel trafficatissimo viale Giostra dove da uno scooter in corsa sono stati esplosi numerosi colpi d'arma da fuoco. Vittime designate due fruttivendoli, padre e figlio, che stavano lavorando nella bancarella allestita per strada, proprio nello stallo per la fermata dell'autobus, poche decine di metri oltre l'incrocio con la via Garibaldi.
I due sono stati raggiunti alle gambe dai proiettili e si sono accasciati per terra in una pozza di sangue. Il più grave è apparso il padre trasportato all'ospedale Papardo in ambulanza e sottoposto ad intervento chirurgico per l'estrazione dei proiettili. Il figlio è rimasto invece lievemente ferito anche se per gli investigatori della Squadra Mobile intervenuti sul posto potrebbe essere stato lui l'obiettivo dei malviventi. Mentre il padre è incensurato il figlio ha qualche precedente per spaccio di droga e l'agguato di oggi potrebbe essere un avvertimento nel mondo degli spacciatori. Ma c'è un altro elemento importate che riconduce a quegli ambienti. I due feriti di oggi sono rispettivamente il padre ed il fratello di Angelo Arrigo, 28enne anche lui fruttivendolo ferito a fucilate il 29 aprile scorso mentre lavorava per strada nella sua bancarella davanti al mercato bisettimanale di Giostra. A seguito di quel ferimento il giovane subì l'amputazione della gamba devastata da due pallettoni esplosi da distanza ravvicinata. Le indagini della Polizia si concentrarono nel mondo degli spacciatori di droga, probabilmente un grave sgarro commesso nei confronti dei boss della zona. La Mobile sta cercando di individuare eventuali collegamenti con quell'episodio.
Stamattina alle 8,30 i due stavano sistemando la bancarella quando è sopraggiunto in viale Giostra lo scooter con le due persone a bordo con il volto coperto da caschi da motociclista,. Il giovane seduto sul sellino posteriore ha iniziato a sparare all'impazzata sotto gli occhi terrorizzati di alcuni passanti. Almeno un paio di proiettili si sono conficcati nelle auto parcheggiate mandando in frantumi i finestrini. Una vera e propria spedizione punitiva sulla quale gli investigatori della Mobile stanno concentrando gli sforzi per ricostruire movente e responsabili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Cairoli, non solo la ruota

Cairoli, non solo la ruota

di Domenico Bertè