Messina

Padre e figlio
rubano un'auto

Due srilankesi fermati e arrestati dai carabinieri del Nucleo radiomobile

carabinieri

Pensavano di allontanarsi alla chetichella con un‘autovettura rubata, ma sono stati immediatamente bloccati dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile e arrestati per furto aggravato padre e figlo minorenne, entrambi srilankesi. Nella notte tra sabato e domenica, intorno alle 2, i militari hanno notato, all’incrocio tra il viale Gazzi e la via Catania, due uomini, uno alla guida di una moto e l’altro al volante di una  Fiat Uno. Insospettiti dall’atteggiamento del conducente del mezzo a due ruote,  che percorreva la strada a fianco dell’auto, i carabinieri li hanno fermati e identificati.   
L’autovettura presentava chiari segni di effrazione sia allo sportello lato guida che al blocco di accensione, nel quale non era inserita la chiave. Inoltre, i due stranieri avevano con sé arnesi da scasso, ossia un cacciavite, una chiave a “T” e uno “spadino”, usati per scassinare la macchina. Poi, rintracciata la proprietaria dell’utilitaria, una messinese che non si era resa conto del furto e che ieri avrebbe avuto una sgradita sorpresa.
Padre e figlio sono stati arrestati per furto aggravato in concorso e messi a disposizione della Procura ordinaria e di quella per i minorenni. Il mezzo è stato restituito alla proprietaria e gli attrezzi da scasso sequestrati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

V.Emanuele, ecco il programma

V.Emanuele, ecco il programma

di Giuseppina Borghese