lipari

Venduta la cava di Caolino, diventerà area turistica

Un imprenditore bergamasco ha acquistato la cava. Porterà avanti un intervento di recupero. In futuro sarà a disposizione di abitanti e turisti.

Venduta la cava di Caolino, diventerà area turistica

Un imprenditore bergamasco, Massimo Lentsch, già proprietario della tenuta di Castellaro che produce vino, ha acquistato a Lipari la cava di Caolino da Italcementi. L'operazione è stata siglata nello studio notarile Ghiroldi di Bergamo. Dalla cava, ampia 40 mila metri quadrati, storicamente detenuta da Italcementi, si estraeva caolite, utilizzata per la produzione di ceramiche e cosmetici. In passato era una delle principali attività economiche dell'isola, con 50 occupati. L'area comprende i terreni e la cava vera e propria ancora dotata di tunnel con binari e carrelli, funzionanti all'epoca dell'attività estrattiva. L'area antistante la cava comprende anche un punto di osservazione a strapiombo sul mare che permette di godere di un bellissimo panorama con vista sulle isole Salina, Alicudi e Filicudi. Da tre anni Lentsch aveva chiesto all'Italcementi se era interessata a vendergli quell'area che si trova sotto i vigneti e la cantina della sua azienda vinicola, che ha un'estensione complessiva di 300 mila metri quadrati. Si era intavolata una trattativa, interrotta dalla cessione della cava al gruppo tedesco HeidelbergCement. L'idea del nuovo proprietario è di consentire un uso gratuito e pubblico di tutta l'area, mettendola a disposizione degli abitanti e dei turisti e cedendola in comodato d'uso gratuito al Centro studi eoliano. Ma l'area necessita di un intervento di recupero e per questo Lentsch darà a questo scopo incarico a un paesaggista per un progetto di sistemazione e rivitalizzazione. "Dovremo mettere in sicurezza l'area, compresa la miniera - spiega l'imprenditore di Bergamo - Sarà installato un info point per i turisti; è previsto anche un punto di ristoro".

Commenti all'articolo

  • PEPPINOM

    29 Dicembre 2016 - 10:10

    fantastico, bravissimo Massimo Lentsch. un premio nobel da conferirle Pippo Martorana

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi