messina

Liquami a mare, sequestrate le foci di alcuni torrenti

Dopo alcuni mesi di indagine è stato accertato che è in atto uno sversamento in mare di condotte fognarie ad altissimo inquinamento ambientale. Sono stati già posti sotto sequestro le aree dell’Annunziata bassa e del viale Europa basso.

Liquami a mare, sequestrate le foci di alcuni torrenti

Un gruppo operativo interforze composto dai carabinieri della sezione di Polizia giudiziaria, il Corpo forestale e la Guardia costiera in queste ore sta sottoponendo a sequestro su delega della Procura le foci di alcuni torrenti cittadini. Dopo alcuni mesi di indagine è stato accertato che è in atto uno sversamento in mare di condotte fognarie ad altissimo inquinamento ambientale. Sono stati già posti sotto sequestro le aree dell’Annunziata bassa e del viale Europa basso. L'inchiesta, gestita personalmente dal procuratore facente funzioni Vincenzo Barbaro che ha appurato che in questo mesi continua lo sversamento di liquami altamente inquinanti in mare. Al momento non ci sarebbero indagati ma in futuro potrebbero essere effettuate iscrizioni nel registro degli indagati con l'ipotesi di inquinamento ambientale. Sul tavolo del magistrato c'è già infatti una prima informativa congiunta dopo un lavoro di equipe delle forze investigative messe in campo che dura da mesi.

Commenti all'articolo

  • antogalletta

    antogalletta

    23 Dicembre 2016 - 16:04

    Tutta Messina sversa liquami fognari a mare, grosse quantità vengono anche sversate dai torrenti Gazzi, Boccetta, Papardo e tanti altri, poi ci sono gli sversamenti dei piccoli ruscelli della riviera che inquinano le acque delle spiagge dove facciamo il bagno. Mi auguro che questo sia l' Inizio di un percorso che porti al cambiamento.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Cairoli, non solo la ruota

Cairoli, non solo la ruota

di Domenico Bertè