messina

Scuole, pronte nuove soluzioni

Le criticità nelle scuole cittadine meritano una grande attenzione. Lunedì si dovrebbe sapere dove saranno trasferiti per un anno e mezzo i ragazzi della Scuola Leopardi che per ora stanno svolgendo i doppi turni. Novità anche per Mili San Pietro ed il liceo Maurolico

Scuole, pronte nuove soluzioni

Ricorderemo il 2016 come un anno orribile per le scuole messinesi. Problemi strutturali, incendi, rimodulazioni, c'è di tutto nel menù di quest'anno scolastico.

Ieri, come promesso ai genitori degli alunni della Leopardi, si è riunita la commissione di gara per definire dove potranno essere trasferiti i 400 ragazzi della scuola di Minissale.

Sono arrivate tre proposte ed una in special modo risponderebbe  all'esigenze, anche di immediata fruibilità, dell'istituto guidato dalla preside Rosaria Sgrò. Lunedì è previsto un sopralluogo nella struttura che potrebbe essere scelta e che, fra l'altro deve trovarsi nella stessa zona della scuola Leopardi per evitare trasferimenti in massa dei genitori e degli alunni.

Di certo la scelta dovrà ricadere su una struttura privata a cui dovrà essere garantino un canone d'affitto. Nelle scorse settimane le famiglie, ma anche i tecnici di palazzo Zanca avevano setacciato il territorio auspicando che alla gara potessero partecipare, i proprietari, per esempio della struttura che ospita la Trimarchi oppure l'ex Conservatorio.

Ma solo quando sarà completata la gara si saprà chi si è presentato e soprattutto chi ha vinto.

Novità arrivano anche per la scuola di Mili san Pietro. Il progetto per la ricostruzione dell'edificio andato a fuoco la scorsa primavera, è stato assegnato ad un ingegnere di Palazzo Zanca. Ci vorranno alcune settimane per redigerlo, e nel frattempo dovrà essere definito il reperimento dei fondi. Palazzo Zanca aspetta una risposta dalla Protezione Civile per capire se può finanziare, la ricostruzione della Castronovo e della Pajno.

Se così fosse, i 400.000 euro a disposizione del Comune, potrebbero essere  girati su Mili.

Infine capitolo Maurolico. La ditta che si è occupata di verificare gli intonaci di tutto il prima piano ha finito la sua opera.

La dirigenza, però aspetta che sia la città metropolitana a dare il nulla osta per l'apertura delle 15 aule che ad oggi sono off limits. Il liceo in questo momento sta prevedendo un orario su tre ore ed un doppio turno fra le 8 e le 11 e le 11 e le 14.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi