Barcellona

Turismo, il flop
dei posti letto

Barcellona ha solo tre strutture ricettive su 403 della provincia. Molto più avanti Furnari, Falcone e Terme Vigliatore: i numeri

Turismo, il flop  dei posti letto

Solo tre strutture ricettive su 403. Barcellona è relegata nelle ultime posizioni della provincia per numero di strutture ricettive. Pur con un numero di abitanti di gran lunga inferiore, c’è Furnari avanti. Sono dati e numeri della classifica 2017-2021 delle strutture turistico-ricettive del messinese, stilata dall’assessorato regionale al Turismo, riferita ad appartamenti, camere e posti letto, alberghi, B&B, affittacamere, casevacanza, residence, campeggi-villaggi, turismi rurali, villaggi albergo e case per vacanza. In provincia sono 403: 138 alberghi, 161 B&B, 32 affittacamere, 36 case vacanza, 14 residence, 14 campeggi-villaggi, 6 turismi rurali, un villaggio albergo ed una casa per vacanze. Barcellona è presente solo nella “classifica” delle case vacanza, due strutture con sei appartamenti e diciotto camere ciascuna e con un B&B con due camere e tre posti letto. Se poi ci si “allarga” al comprensorio, è tutto un altro discorso; Furnari ha una struttura con 263 camere e 576 posti letto, un residence con 13 appartamenti e 32 posti letto, un villaggio albergo con 174 camere e 600 posti letto e due B&B con tre camere e cinque posti letto l’uno e con due camere e tre posti letto l’altro. C’è poi Falcone con quattro hotel: 12 camere e 22 posti letto il primo, 25 camere e 50 posti letto il secondo, 7 camere e 13 posti letto il terzo e 11 camere e 22 posti letto il quarto, più un B&B con tre camere e quattro posti letto. Per chiudere il barcellonese c’è Terme Vigliatore con tre hotel: uno con 22 camere e 52 posti letto, un altro con 90 camere e 180 posti letto, il terzo albergo con 40 camere e 101 posti letto, più un B&B con tre camere e sette posti letto.

I numeri di Barcellona sono impietosi e non complementari ad una realtà, in cui c’è mare, centro storico, collina, montagna, storia e natura. I dati turistici del 2016, sentendo gli operatori, sono stati positivi e sono di buon auspicio. Gioveranno, per le presenze, la stagione teatrale al chiuso del “Mandanici” – con svariati sold out – quella all’aperto dell’Arena Montecroci, gli eventi natalizi e per il carnevale e l’apertura di “esercizi” all’ex pescheria e all’ex stazione; poi i progetti sulle strade “Maloto-Migliardo” e “Migliardo-Castroreale”, i cui interventi sono funzionali per lo sviluppo del territorio. In ultimo le agevolazioni al credito, previste anche per nuove strutture ricettive, dopo l’accordo con i consorzi fidi, con un fondo di oltre 45 mila euro messo a disposizione dal comune.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Via dei Mille, rubate 15 piantine

Via dei Mille, rubate 15 piantine

di Maurizio Licordari

De Luca, ecco le querele

De Luca, ecco le querele

di Maurizio Licordari