Messina

Morta la 57enne investita
sul viale della Libertà

Cinzia Tortorella è deceduta intorno alle 5 di questa mattina. I medici del Policlinico hanno tentanto di tutto per salvarla. Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi. La donna è stata travolta mentre attraversava la strada all'altezza del Dante Alighieri

Morta la 57enne investita sul viale della Libertà

Foto A. Villari

Non ce l'ha fatta. Il cuore di Cinzia Tortorella, 57 anni impiagata della Prefettura, ha cessato di battere all'alba. Dodici ore dopo il drammatico incidente. La donna ieri pomeriggio stava attraversando  il viale della Libertà probabilmente diretta alla fermata del tram, all'altezza della Batteria Masotto. Da sud sopraggiungeva una Fiat Punto alla cui guida si trovava un uomo di 84 anni che non è riuscito ad evitarla. Le condizioni della donna sono apparse subito gravissime. Un ambulanza del 118 l'ha trasportata al Policlinico dove i medici hanno fatto di tutto per strapparla alla morte. Nel corso della notte ha avuto tre arresti cardiaci. Necessarie la trasfusione di  4 sacche di sangue. la Procura ha già aperto un'inchiesta. La Fiat Punto è stata posta sotto sequestro. Quello della signora Cinzia Tortorella che lavorava nell'ufficio di Gabinetto del Prefetto è l'ottavo incidente mortale in città nel 2016. Poco più di un  mese fa, il 3 ottobre,  proprio sul viale della Libertà all'altezza della Chiesa del Ringo era stato travolto Antonino Oteri, 76 anni

Commenti all'articolo

  • MaxUSA

    18 Novembre 2016 - 22:10

    Qualche mese fa mi sono rivolto,via E mail, alla Prefettura di Messina per potere legalizzare,tramite apostille, il mio diploma, e questa signora,funzionaria responsabile del competente ufficio, e' stata gentilissima ed super efficiente nell'autenticare il documento e a inviarmelo negli Stati Uniti dove vivo. E' incredibile come queste tragedie possano succedere. Che riposi in Pace...

    Rispondi

  • germana

    18 Novembre 2016 - 13:01

    Un semaforo e un paio di doss potrebbero prevenire queste tragedie. Le macchine sfrecciano come se fossero in pista. E' una vergogna. in via Garibaldi é uguale.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi