Messina

Il corpo di polizia metropolitana passerà da 40 a ottanta agenti

Con il bando interno predisposto dal commissario Romano. Con lo stesso regolamento sono state istituite 13 sezioni, tutte specialistiche, al cui apice verrà posto un caposezione con la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria

Il corpo di polizia metropolitana passerà da 40 a ottanta agenti

Ha prestato giuramento a Palazzo dei Leoni – alla presenza del commissario straordinario Filippo Romano, del segretario generale Annamaria Tripodo e del nuovo comandante Antonino Triolo – Maria Celona, quarantesimo agente del corpo di polizia metropolitana, già polizia provinciale, che prosegue così, il percorso di adeguamento alle finalità istituzionali, per fornire risposte all’utenza della città metropolitana.

Con l’adozione del nuovo regolamento, fortemente voluto dal commissario straordinario Filippo Romano, l’organico si arricchirà inoltre di 40 nuovi componenti, tutti di categoria B, a costo zero, avendo l’ente optato per l’utilizzo di professionalità interne. Con lo stesso regolamento sono state istituite 13 sezioni, tutte specialistiche, al cui apice verrà posto un caposezione con la qualifica di ufficiale di polizia giudiziaria, figura anch’essa di nuova formazione. Prevista, inoltre, una sezione distaccata presso la Procura della Repubblica. Una struttura più articolata, funzionale e duttile rispetto al passato, con la quale la polizia metropolitana potrà incrementare la propria attività di vigilanza, prevenzione e repressione degli illeciti. Incrementato anche il parco macchine con l’acquisto di sette nuove vetture per consentire una presenza maggiore su tutto il territorio provinciale.

Recentemente sono stati tra l’altro, operati numerosi sequestri in campo venatorio (settore in cui l’attività del corpo si concentrerà in particolare, alla luce di un’intesa specifica con il Comune, ad esempio riguardo ai controlli sull’attività di caccia illecita ai cinghiali selvatici) con denunce a piede libero, nonché controlli ambientali che hanno portato alla contestazione di sanzioni amministrative oltre che denunce per inosservanza delle norme inerenti l’emissione di fumi non autorizzati e per lo stoccaggio irregolare di rifiuti anche speciali o per abbandono degli stessi in aree pubbliche.

Anche l’attività di tutela della sicurezza sulle strade, nelle ultime settimane, in sinergia con il Comune, ha portato ad elevare più di 500 verbali nel solo territorio comunale, mentre sono in corso di definizione più articolate interazioni con le altre forze di polizia.(n.l.r.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi