Messina

Verde...speranza

villa dante generica

Tra due giorni il piano scatta dal viale Boccetta. Il primo obiettivo da raggiungere è quello di ridurre il pericolo diretto ed indiretto prodotto dalle folte chiome degli alberi in alcuni punti strategici. L'elenco è lunghissimo. Interventi sono programmati anche sul viale della Liberta, sul viale Giostra, le vie Cannizzaro e La Farina. Saranno potati gli alberi soprattutto nei pressi dei semafori e quelli che rendono quasi vane le lampade della pubblica illuminazione lasciando. In questa prima operazione, insieme con ato 3 e Messinambiente anche la Forestale.
Interventi in house, questi. Ma Palazzo zanca sta già reperendo altri fondi per un'azione ancora più incisiva su tutto il territorio. Ci vorrà poco più di 30 mila euro per sfoltire le chiome dei circa 200 alberi che creano difficoltà di vario genere, soprattutto quando lambiscono le finestre delle abitazioni. E fin qui la potatura. Avantieri è stato messo a punto anche un piano per la scerbatura e la pulizia nei principali spazi verdi della città che versano nel degrado. Con priorità assoluta, dopo la chiusura, dopo il sopralluogo della polizia municipale, squadre di pronto intervento hanno restituito decoro alla villetta più centrale intitolata a Salvatore Quasimodo. Ora il compito è quello di trovare un nuovo gestore dei giochi dopo che al precedente è scaduta la concessione ed ha ancora pochi giorni di tempo per lasciare l'area che avrebbe anche dovuto mantenere pulita. Per Villa dante c'è l'impegno dell'amministrazione di assegnare i lavori intorno alla metà di novembre. Nel più grande spazio verde della città bisogna rendere aginili i servizi igienici, rispistinare i giochi d'acqua, mettere a norma l'impianto di illuminazione e ripopsizionare le telecamere per la videosorveglianza. Ovviamente oltre a potatura di alberi e scerbatura di siepi e aiuole. A breve, previsti anche interventi straordinari anche all'interno della villa Sabin e sul lungomare Belfiore. Una nuova derattizzazione sarà effettuata a Villa Mazzini. Qui, la scommessa è rappresentata dalla riapertura dell'acquario comunale già ai primi di dicembre, il prossimo dicembre. Il cronoprogramma è servito, ora si attendono fatti concreti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi