messina

Carni adulterate, la preoccupazione dei messinesi

E' allarmante il dato dei controlli eseguiti dai Carabinieri dei Nas nelle macellerie cittadine. In sei esercizi su dieci controllati è stato rilevato un uso smodato di sostanze chimiche in concentrazioni molto elevate e pericolose per la salute pubblica. Sei gli esercenti denunciati alla Procura della Repubblica. Altri controlli scatteranno nei prossimi giorni.

Carni adulterate, la preoccupazione dei messinesi

Sale il livello d'allarme e di preoccupazione dei messinesi dopo l'esito dei controlli eseguiti in questi giorni dai Nas nelle macellerie cittadine. I dati sono sconfortanti e confermano la tendenza degli ultimi anni.

Il tentativo di ringiovanire le carni mediante l’utilizzo illecito di sostanze chimiche è in piena espansione.

Dai controlli eseguiti dai Carabinieri del Nas di Catania e del Comando provinciale di Messina è venuto fuori che in sei macellerie su dieci controllate in città, sono state riscontrate irregolarità.

In particolare i titolari avrebbero utilizzato nitrati e solfiti per ottenere una presentazione migliore dei prodotti, che così trattati avevano un colore più vivo e sembravano più freschi e presentabili. In realtò, secondo quanto accertato dai Militari dell'Arma, la carne che già era sottoposta ai naturali processi di putrefazione, con questo trattamento assumeva ben altre sembianze.

Dai controlli è venuto fuori che nel 60 per cento dei casi gli esami analitici hanno dimostrato un uso esagerato di sostanze chimiche in concentrazioni molto elevate e pericolose per la salute pubblica. Questo impiego avveniva soprattutto nei macinati a base di carne dove l’impiego degli additivi è più semplice.

Infatti, nitrati e solfiti, non consentiti e non dichiarati, agiscono come veri e propri allergeni e possono provocare effetti tossici talvolta anche letali.

Un comportamento senza scrupoli che oltre a danneggiare la salute dei cittadini, finisce col penalizzare quegli esercenti onesti che mai si sognerebbero di far ricorso a certe pratiche.

I titolari delle sei macellerie incriminate, tutte ubicate nel territorio comunale, sono stati denunciati alla Procura insieme al gestore di un deposito all’ingrosso di carni, fornitore degli stessi esercenti

Nei prossimi giorni i Nas eseguiranno altri controlli a sorpresi in varie zone della città.

Commenti all'articolo

  • verità

    14 Ottobre 2016 - 13:01

    Come possiamo difenderci da questi farabutti se la stampa e le autorità non ci mettono in condizione di sapere dove non andare? Qui non trattasi di piccola ruberia ma di attentato alla salute pubblica e dunque è obbligo sapere da chi difenderci. Mi meraviglio che nessun giornale abbia ancora fatto i nomi e dunque propongo di mandare una e-mail ai Carabinieri NAS per sapere i nomi.

    Rispondi

  • il migliore

    14 Ottobre 2016 - 09:09

    I NOMI , QUESTO NO VERO ??' se fossero stati politici o altri soggetti allora foto e indirizzi.......che vergogna

    Rispondi

  • smemorina1948

    14 Ottobre 2016 - 00:12

    vogliamo i nomi delle macellerie....e ke kazzo come ci difendiamo altrimenti?

    Rispondi

  • nsangrigoli

    13 Ottobre 2016 - 18:06

    ,Bisognerebbe rendere pubblico l'elenco delle macellerie incriminate, per rendere un servizio serio ai cittadini, e non fiumi di parole, parole,parole. Distinti saluti

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi