messina

Lavori sul viadotto Ritiro, Boccetta resta aperto

Al momento non si riscontra alcuna necessità di chiudere lo svincolo di Boccetta in entrata per Palermo. I test effettuati in questi ultimi giorni hanno fornito i risultati che Cas, Polstrada e Comune chiedevano prima di prendere una decisione. A breve entrano nel vivo i lavori per la messa in sicurezza del viadotto Ritiro

Il test sul Boccetta alla prova dei fatti

L'aver preso tempo prima di decidere sulla chiusura dell'importante svincolo potrebbe essere stata una mossa vincente. Da metà luglio si ipotizzava di impedire il transito in entrata verso Palermo per lasciare la corsia di marcia ai mezzi di servizio. Poi, lo slittamento a settembre, una volta conclusosi il continuo afflusso di vacanzieri da e per la Sicilia. Quindi la decisione di effettuare una fase di prova con una sola corsia aperta. Dal 28 settembre scorso, i mezzi provenienti da sud, e quelli che accedono dal Boccetta, devono percorrere la sola corsia di sorpasso per dirigersi verso Villafranca. In otto giorni, in rarissime occasioni si sono verificati degli incolonnamenti, ma non tali da creare ripercussioni, né sulla rampa di accesso, né sul viale Boccetta. Era questo, infatti, il rischio più temuto dai tecnici di palazzo Zanca, ma la precauzione dell'assessore Cacciola si è rivelata azzeccata. Si va avanti così, quindi. Al tempo stesso, resta valido il suggerimento di servirsi del viale Giostra per imboccare la tangenziale a S. Michele per dirigersi verso Palermo. Vanno comunque avanti gli interventi per l'installazione della segnaletica. Vanno anche avanti i lavori per la messa in sicurezza del viadotto Ritiro, i cui impalcati, a partire dalla carreggiata sud-nord, dovranno essere smontati già dai primi mesi del prossimo anno. Per far questo, dovrà essere approntato il collegamento con lo svincolo di Giostra in modo che tutti i mezzi diretti verso Villafranca possano utilizzarlo come by pass, oltre che avere la possibilità di uscire a S. Michele. Il collegamento definitivo è quello che si innesterà con il terrapieno posto nelle adiacenze dell'area di sosta Trapani e che dovrebbe essere pronto entro la prossima estate. Ancora prima, però, forse entro Natale ha confermato oggi l'ing. Anna Sidoti, direttore dei lavori, potrebbe essere allestito quello mediante i giunti che, una volta finiti i lavori verranno smontati. Quel che è certo, limitatamente alla carreggiata sud-nord, la messa in sicurezza del viadotto Ritiro si protrarrà anche per tutto il 2017. Poi inizieranno i lavori sul versante opposto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi