messina

Strade al buio, disagi e polemiche

Continuano i disagi in molte zone della città legate alla mancanza o alla scarsa illuminazione delle rete pubblica. La ditta che esegue le manutezioni ha accumulato un notevole ritardo. Ma intanto ci sono strade al buio da due mesi o dove le lampade sono offuscate dagli alberi non potati

Case Arcobaleno

Le conseguenze di questi guasti e dei mancati interventi  si riversano sui cittadini di una vasta porzione di territorio della terza municipalità, ma disagi simili vengono denunciati da tanti altri messinesi residenti in varie zone della città. Da nord a sud. I consiglieri circoscrizionali Interdonato e Sciutteri sottolineano in una nota l'oscurità in cui la sera piombano i villaggi di Bisconte e Bordonaro, ma anche Fondo Fucile e le vie Trento, Salandra, Roma, Giolitti tra il Viale Europa e Villa Dante. Qui, in base a quanto riferiscono i due esponenti del quartiere, il problema è dovuto dal fatto che la ditta che si è aggiudicata l'appalto da 150 mila euro per eseguire gli interventi di riparazione e manutenzione, non sta assolvendo agli impegni presi. Persino il dipartimento lavori pubblici  è dovuto ricorrere ad una formale lettera di contestazione con specifico riferimento ad un guasto verificatosi alla cabina elettrica di Cavallotti.  In un primo momento, ad agosto, i ritardi venivano giustificati con il periodo festivo che non consentiva il reperimento dei materiali per la chiusura delle aziende fornitrici. Ma adesso, scrivono Interdonato e Sciutteri, non si possono più tollerare che segnalazioni di utenti  risalenti a luglio siano rimaste inevase. Ma, come si diceva, anche da altre zone  si leva il grido d'aiuto di cittadini disperati. Sulla circonvallazione, al buio tutto il viale Regina Margherita tra il viale Giostra e l'ingresso in tangenziale di Boccetta. Buio pesto, da due mesi, nella minuscola ma popolatissima via Carrai, un'arteria confinante con il viale Principe Umberto. Disagi e pericoli non minori, si registrano lungo arterie dove, le lampade funzionano, ma gli alberi non potati, la rendono quasi inesistente. Viale Giostra, via La farina e una parte di viale S. Martino tanto per citare le arterie più trafficate. Ma in questo stato, sono tantissime le strade della città.  Se le responsabilità siano del dipartimento manutenzioni, di una ditta che non assolve al proprio compito o del dipartimento verde pubblico che non effettua la potatura, tutto questo, ai cittadini, interessa relativamente. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi