lega pro

Sei squadre deferite, c'è il Messina

Il deposito della fidejussione il capo d'accusa

Messina a caccia di punti e serenità

L'Avellino, societa' di serie B, e cinque club di Lega Pro - Messina, Maceratese, Lucchese, Akragas e Casertana - sono state deferite al Tribunale federale nazionale sezione disciplinare a seguito di segnalazione della Covisoc per una serie di inadempienze. 

Questo il testo del deferimento

Il Procuratore Federale, a seguito di segnalazione della CO.VI.SO.C., ha deferito al Tribunale
Federale Nazionale Sezione Disciplinare:
- sig. STRACUZZI NATALE, Presidente del consiglio di amministrazione e legale
rappresentante pro-tempore della Società A.C.R. Messina S.r.l.;
- sig. GUGLIOTTA PIETRO, Vice Presidente del consiglio di amministrazione e legale
rappresentante pro-tempore della Società A.C.R. Messina S.r.l.;
- sig. GROSSO MARIO ANTONIO, Vice Presidente Vicario del consiglio di
amministrazione e legale rappresentante pro-tempore della Società A.C.R. Messina S.r.l.;
- sig. OLIVERI PIETRO, Vice Presidente Vicario del consiglio di amministrazione e legale
rappresentante pro-tempore della Società A.C.R. Messina S.r.l.;
per la violazione di cui agli artt. 1 bis, comma 1, del C.G.S. e 10, comma 3, del C.G.S. in relazione
al titolo I), paragrafo I), lettera D), punto 8) del C.U. 368/A del 26 aprile 2016 ai fini del rilascio
della Licenza Nazionale per l’ammissione al campionato professionistico di Lega Pro 2016/2017,
per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, per non aver depositato, entro il termine del
30 giugno 2016, idonea garanzia a prima richiesta dell’importo di € 350.000,00 e comunque per
non aver documentato alla Lega Italiana Calcio Professionistico, entro lo stesso termine,
l’avvenuto deposito della garanzia a prima richiesta dell’importo di € 350.000,00 sopra indicata.
Ciascuno con riferimento ai rispettivi poteri e funzioni, risultanti dagli atti acquisiti come trasmessi
dalla Lega competente e ai periodi di svolgimento degli stessi;
- la Società A.C.R. MESSINA S.r.l.:
a) per la violazione dell’art. 4, comma 1, del C.G.S. a titolo di responsabilità diretta, per il
comportamento posto in essere dal sig. STRACUZZI NATALE, Presidente del consiglio di
amministrazione e legale rappresentante pro-tempore della Società A.C.R. Messina S.r.l., dal
sig. GUGLIOTTA PIETRO, Vice Presidente del consiglio di amministrazione e legale
rappresentante pro-tempore della Società A.C.R. Messina S.r.l., dal sig. GROSSO MARIO
ANTONIO Vice Presidente Vicario del consiglio di amministrazione e legale rappresentante
pro-tempore della Società A.C.R. Messina S.r.l., dal sig. OLIVERI PIETRO Vice Presidente
Vicario del consiglio di amministrazione e legale rappresentante pro-tempore della Società
A.C.R. Messina S.r.l.;
b) per la violazione dell’art. 10, comma 3, del C.G.S. in relazione al titolo I), paragrafo I), lettera
D), punto 8) del C.U. 368/A del 26 aprile 2016 ai fini del rilascio della Licenza Nazionale per
l’ammissione al campionato professionistico di Lega Pro 2016/2017:
a titolo di responsabilità propria, per non aver depositato, entro il termine del 30 giugno
2016, idonea garanzia a prima richiesta dell’importo di € 350.000,00 e comunque per non
aver documentato alla Lega Italiana Calcio Professionistico, entro lo stesso termine,
l’avvenuto deposito della garanzia a prima richiesta dell’importo di € 350.000,00.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi