S.FILIPPO

Crollo stadio
rinviati a giudizio
i quattro indagati

Dovranno comparire davanti ai giudici del tribunale il 22 novembre 2013 per rispondere di disastro colposo, relativamente alla parte di muro crollata, il progettista e direttore dei lavori, ingegner Giuseppe Rodriquez, il collaudatore statico dell’opera, l’ingegner Tullio Martella, il responsabile del cantiere il geometra Carmelo Coniglione ed il direttore tecnico dell’impresa “C e C Costruzioni” che eseguì i lavori, Michele D’Agata.

Muro crollato S. Filippo

Il muro crollato al S. Filippo

Il Gup Daniela Urbani ha rinviato a giudizio i quattro indagati per il crollo del muro di contenimento allo stadio San Filippo.  Dovranno comparire davanti ai giudici del Tribunale il 22 novembre 2013 per rispondere di disastro colposo, relativamente alla parte di muro crollata, il progettista e direttore dei lavori, ingegner Giuseppe Rodriquez,  il collaudatore statico dell’opera, l’ingegner Tullio Martella, il responsabile del cantiere il geometra Carmelo Coniglione ed il direttore tecnico dell’impresa “C e C Costruzioni” che eseguì i lavori, Michele D’Agata.  Per Rodriquez e Martella è caduta in prescrizione l’accusa di falso. Il muraglione collassò improvvisamente il 6 maggio dell’anno scorso trascinando sul fondo anche parte della strada arginale dietro la curva nord. Il sostituto procuratore Camillo Falvo dispose il sequestro dell’area. Il consulente nominato dalla Procura, l'ing. Santi Mangano, accertò nella sua perizia tecnica una serie di errori il più eclatante dei quali sarebbe il montaggio dei conci al contrario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Referendum: alle 12  ha votato il 16,8%, ma con disagi

A Messina il No al 70%

di Domenico Bertè